(Foto: arousa/iStock)
(Foto: arousa/iStock)
Un articolo pubblicato sulla rivista BMJ Case Reports  documenta un insolito caso clinico accaduto in California, dove un bambino di 11 anni ha dovuto fare i conti con una lumaca di mare viva e vegeta… nel suo braccio. Stando alle ricerche condotte dal pediatra Albert Khait, della Loma Linda University, si tratta una circostanza tanto curiosa quanto rara, che fino a oggi non trovava alcun riscontro nella letteratura scientifica.

QUALCOSA NON VA
Il report parla di un bambino accompagnato in ospedale a causa di un taglio infetto sul braccio, conseguenza di una caduta avvenuta in una pozza d'acqua salata in una spiaggia californiana. Nonostante le cure dei genitori, la ferita si era infatti ingrossata, manifestando la comparsa di un doloroso ascesso.

SORPRESA!
Come da prassi in questi casi, il dottor Khait ha trattato l'infezione procedendo prima di tutto con il drenaggio del rigonfiamento. La scoperta sorprendente è arrivata in un momento successivo, quando sotto lo strato di pus ha fatto capolino un oggetto duro del diametro di 4 millimetri, rivelatosi poi un esemplare vivo di lumaca di mare, della specie Littorina scutulata.

OSPITE INATTESO

Ma come ha fatto il gasteropode a sopravvivere all'interno del corpo umano? Gli autori dello studio hanno spiegato che, per evitare l'essicazione e il soffocamento, le lumache di mare che vengono a contatto con l'aria (ad esempio quando si avventurano sugli scogli) sono in grado di chiudere ermeticamente la propria conchiglia con uno tappeto di muc o. "Ciò consente loro di preservare l'acqua e l'umidità all'interno del guscio", ha scritto Khait, sottolineando che questa abilità ha probabilmente consentito all'animale di restare in vita nonostante le condizioni estreme dell'organismo ospitante.

NON SUCCEDE TUTTI I GIORNI
Dopo l'estrazione della lumaca e una terapia a base di antibiotici, il braccio dell'undicenne è tornato in perfetta salute. L'eccezionalità dell'episodio è stata confermata dalla mancanza di riscontri nel campo della letteratura scientifica. Per trovare qualcosa di simile bisogna rifarsi alla cronaca: nel 2013 la CNN raccontò la storia di un bambino di quattro anni che, dopo un incidente sugli scogli, si ritrovò con un una piccola chiocciola di mare nel ginocchio.

UNA STORIA DA RACCONTARE
La lumaca faceva probabilmente parte di una covata attaccata agli scogli, e ha avuto la sfortuna di trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato. Khait ha archiviato il caso sottolineando che il paziente "era visibilmente eccitato per la straordinaria scoperta e ha chiesto di conservare l'esemplare così da condividere la storia con familiari e amici".