Linda Evangelista nel 2003
Linda Evangelista nel 2003

Canadese classe 1965, Linda Evangelista è stata una delle più luminose top model degli anni Novanta, costantemente corteggiata dai maggiori marchi della moda per comparire sulle passerelle, nei servizi fotografici e negli eventi sponsorizzati. Ma a differenza di colleghe altrettanto famose, come Naomi Campbell e Cindy Crawford, negli ultimi tempi non s'è fatta vedere in pubblico né sono circolate sue foto: ora scopriamo che la ragione riguarda l'esito nefasto di un intervento di rimodellamento del corpo e riduzione del grasso in eccesso. Secondo quanto raccontato dalla stessa Evangelista, attraverso un commuovente post su Instagram, la procedura è andata male e l'ha sfigurata: invece di ridurre le cellule adipose, le ha aumentate "lasciandomi permanentemente deforme, nonostante in seguito mi sia sottoposta a due dolorosi e inutili interventi chirurgici correttivi".

Linda Evangelista, la top model rimasta sfigurata chiede 50 milioni di risarcimento

Il procedimento di riduzione del grasso cui si è sottoposta Linda Evangelista si chiama CoolSculpting, ed è un sistema non invasivo per il rimodellamento del corpo mediante congelamento del grasso indesiderato. Un raro effetto collaterale, che si verifica più spesso negli uomini che nelle donne, porta alla conseguenza che le cellule adipose si ingrossano invece che rimpicciolirsi. Non si conoscono le ragioni di questo esito indesiderato, ma, quanto meno nel caso di Linda Evangelista, il danno è molto difficile da sopportare.

La top model racconta di non essere stata informata dei possibili effetti collaterali e, sempre nel post su Instagram, parla di un ricorso legale: non si capisce se già intentato oppure se prossimo. In ogni caso, l'esperienza "non ha solamente azzerato i miei mezzi di sussistenza, mi ha anche precipitato in una spirale di depressione, profonda tristezza e profondo disprezzo di me stessa. Attraverso questo ricorso legale intendo sbarazzarmi della vergogna e rendere pubblica la mia storia. Sono così stanca di vivere in questo modo. Vorrei uscire dalla porta di casa a testa alta, nonostante non sembri più me stessa". Immediati sono arrivati i messaggi di incoraggiamento e solidarietà da parte dei numerosi fan così come di colleghe modelle (ad esempio Karen Elson), di attrici (Gwyneth Paltrow), stiliste (Karla Welch) e designer (Brandon Maxwell e Jeremy Scott).