Mercoledì 17 Luglio 2024

Torna il “Festivaletteratura” a Mantova: ospiti Lynch, Carrère, Dicker e molti altri

La 28/esima edizione dell’evento si terrà dal 4 all’8 settembre

Copertina Festivaletteratura 2024

Copertina Festivaletteratura 2024

Mantova, 19 giugno 2024 – Guerra, clima e acqua, democrazia, confronto generazionale, Africa, intelligenza artificiale e non solo negli oltre 300 eventi in programma a “Festivaletteratura” a Mantova. Il festival letterario più longevo d'Italia torna con la sua 28/esima edizione dal 4 all’8 settembre.

Attesi nomi internazionali, fra cui il Premio Nobel per la pace Maria Ressa, il Premio Pulitzer 2024 Nathan Thrall e il Booker Prize 2023 Paul Lynch. E poi Emmanuel Carrère, Tobias Wolff, Joël Dicker, Jessa Crispin e molti altri. Per la prima volta alla rassegna sarà presente anche lo scrittore francese Jean-Baptiste Andrea, vincitore del Prix Goncourt per il romanzo “Vegliare su di lei” (La nave di Teseo, 2024). Presente anche Colum McCann, che nel suo ultimo libro “American Mother” (Bloomsbury, 2024), affronta la vicenda di Diane Foley, madre del reporter statunitense decapitato dall'Isis.

A parlare di famiglia e relazioni ci saranno, tra gli altri, Alessandro Piperno, Donatella Di Pietrantonio, Zerocalcare e Sabrina Efionayi. Ampio spazio sarà dedicato alla letteratura sudamericana contemporanea, con Andrés Montero, il musicista e compositore Nicolás Jaar agli esordi come narratore, María Fernanda Ampuero e Alejandro Zambra.

Quanto ai generi, il memoir, mescolato a saggio e fiction, sarà al centro degli appuntamenti con le autrici Olivia Laing e Deborah Levy, mentre per l'horror e il gotico non mancherà Mona Awad, amatissima dai più giovani. Per quel che riguarda il giallo italiano, attesi, inoltre, Maurizio De Giovanni, Marco Malvaldi e Alessia Gazzola.

Il Festival si rivolge a lettori di ogni età, e a rappresentare la letteratura per ragazzi arriveranno autrici di successo come Christelle Dabos, creatrice della fortunatissima saga de “L'Attraversaspecchi” (Edizioni e/o, 2018-2020) che mescola fantasy, steampunk e Belle Époque. Corpi, adolescenze, giustizie sono le parole scelte quest'anno dai giovani dei gruppi di lettura di tutta Italia per confrontarsi con gli scrittori. La serie di appuntamenti vedrà gli interventi di Greta Olivo che ha esordito per Einaudi con il romanzo “Spilli”. 

La poesia sarà protagonista con una delle voci più significative della letteratura britannica: Carol Ann Duffy, prima scrittrice scozzese e apertamente omosessuale a essere investita della carica di Poeta Laureato. Previsto inoltre un omaggio alla poetessa Premio Nobel Wisława Szymborska, in occasione della recente pubblicazione del suo carteggio amoroso con Kornel Filipowicz, pubblicato da Elliot e intitolato “Meglio di tutti al mondo sta il tuo gatto”. Quest'anno inoltre, il Festival riserverà una particolare attenzione al mondo ludico e alle sue connessioni con la narrativa e festeggerà i primi cinquant'anni del fantasy Dungeons&Dragons, il più popolare role game di sempre.