Mercoledì 24 Luglio 2024

Premio Biagio Agnes 2024: la XVI edizione in piazza del Campidoglio il 21 giugno

La premiazione condotta da Mara Venier e Alberto Matano andrà in onda lunedì 8 luglio su Raiuno

Mara Venier e Alberto Matano

Mara Venier e Alberto Matano

Roma, 18 giugno 2024 –  La XVI edizione del “Premio Biagio Agnes” si svolgerà venerdì 21 giugno in piazza del Campidoglio a Roma.

La cerimonia di premiazione, in onda lunedì 8 luglio in seconda serata su Raiuno, sarà condotta da Mara Venier e Alberto Matano. Sul palco i conduttori accoglieranno rappresentanti delle istituzioni e professionisti dell’informazione, dello spettacolo e della cultura, per una serata di approfondimenti, riflessioni ma anche di intrattenimento, danza e musica.

La giuria, presieduta da Gianni Letta, ha designato i premiati individuando i migliori professionisti in percorsi diversi – dalla carta stampata alla tv, dai nuovi linguaggi alla radio e alla letteratura. Nell'edizione 2024, il Premio Radio-Tv è stato assegnato alla Rai, che quest'anno festeggia una duplice ricorrenza: i 100 anni della Radio e i 70 della Televisione. Alla serie “Un professore”, andata in onda su Raiuno, è stato assegnato il Premio Fiction: a ritirare il riconoscimento saranno i due protagonisti, Alessandro Gassmann e Claudia Pandolfi. L’Associazione della Stampa Estera in Italia si aggiudica il Premio Stampa Estera, mentre riceveranno il Premio Carta Stampata il giornalista parlamentare e vicedirettore de Il Foglio, Salvatore Merlo e l’inviato speciale di “Avvenire”, Nello Scavo. Il Premio Divulgazione Scientifica va a Barbara Carfagna, conduttrice del programma di Raiuno “Codice La vita è digitale”, mentre il Premio Generazione DigitalePodcast sarà consegnato a Justine Bellavita, digital director delle testate periodiche femminili di RCS MediaGroup, e a Mia Ceran per il podcast di Will Media “The Essential”. Lo storico Francesco Perfetti riceverà il Premio Informazione Culturale, mentre allo scrittore Giulio Leoni va il Premio Saggista e Scrittore per il libro: “Mameli. Un grande romanzo storico sull'Inno che fece l’Italia”. Per il suo ultimo reportage di viaggio dal titolo “La speranza africana”, Federico Rampini vince il Premio Giornalista Scrittore, mentre Officina della Comunicazione si aggiudica il Premio Documentari Culturali. Infine, il Premio Giovani Giornalisti sarà consegnato a Francesco Bechis, classe 1995, cronista politico del quotidiano “Il Messaggero”.

Come da tradizione, verrà assegnata una Borsa di studio al primo classificato in graduatoria della Scuola Superiore di Giornalismo dell’Università Luiss di Roma.