Foto: Hype Film/LM Media/ONE TWO Films/Belarusfilm
Foto: Hype Film/LM Media/ONE TWO Films/Belarusfilm

Di fronte alla minaccia della morte, ci si aggrappa a qualunque occasione di salvezza, anche fingersi persiani per insegnare a un gerarca nazista una lingua che non si conosce: è lo spunto narrativo che nutre il film 'Lezioni di persiano', presentato al Festival di Berlino 2020 e che esce in streaming da giovedì 14 a domenica 17 gennaio, in prima visione assoluta, sulla piattaforma #Iorestoinsala.


Lezioni di persiano, tutto sul film

La trama è ambientata nel 1942, in piena seconda guerra mondiale: siamo nella Francia occupata e un gruppo di ebrei in fuga viene arrestato da soldati delle SS e trasportato in un campo di transito in Germania. Complice un evento fortuito, il nostro protagonista, che si chiama Gilles, ha un'intuizione geniale: fingersi persiano e in questo modo avere salva la vita. Infatti l'ufficiale responsabile delle cucine del campo sogna di aprire un ristorante in Iran, una volta terminata la guerra, e quindi ha bisogno di qualcuno che gli insegni il Farsi. Gilles non conosce la lingua, dunque decide di inventare ogni giorno le parole da insegnare al suo carceriere e allievo: deve però ricordarle tutte ed essere in grado, di lì a poco, di sostenere brevi conversazioni. Più il tempo passa, più Gilles si rende conto che non potrà mantenere a lungo il suo segreto.

'Lezioni di persiano' si basa su un racconto di Wolfgang Kohlhaase intitolato 'Erfindung einer Sprache' (cioè 'L'invenzione di una lingua'). A sua volta lo scrittore si ispirò a un fatto realmente accaduto, che gli venne raccontato da un amico e che lui modificò in alcuni dettagli per ragioni narrative. La sceneggiatura è stata scritta da Ilya Tsofin, mentre la regia è stata firmata da Vadim Perelman, nato in Ucraina, trasferitosi in Canada e famoso soprattutto per il film 'La casa di sabbia e nebbia' (2003). Nel cast spiccano i due interpreti principali, cioè Nahuel Pérez Biscayart ('120 battiti al minuto') e Lars Eidinger ('Sense8', 'Personal Shopper').

Curiosità: 'Lezioni di persiano' è una coproduzione fra Russia, Germania e Bielorussia. Proprio quest'ultimo paese l'ha selezionato come proprio rappresentante in vista dell'Oscar 2021 per il migliore film in lingua straniera. La candidatura è stata però rigettata dall'Academy per il grosso delle persone coinvolte nella realizzazione non veniva dalla Bielorussia.

Il trailer doppiato in italiano



Le recensioni e come guardare il film

In media la critica che ha partecipato al Festival di Berlino 2020 ha scritto recensioni positive, lodando la regia di Vadim Perelman, capace di non essere troppo "teatrale" nonostante la quantità di dialoghi. Parole ancora più entusiaste sono state spese per le interpretazioni dei due attori protagonisti, vera marcia in più di 'Lezioni di persiano'.
Per vederlo bisogna ritagliarsi un paio d'ore di tempo (dura 127 minuti) e cercarlo nel catalogo della piattaforma Iorestoinsala, dove sarà disponibile dal 14 al 17 gennaio, dietro pagamento di un biglietto di ingresso virtuale.

Leggi anche:
- Pieces of a Woman, su Netflix il film premiato a Venezia
- Herself, il film che parla di violenza domestica esce su Prime Video
- Sul più bello: il teen drama esce in streaming su Amazon Prime Video