di Barbara Berti Disciplina, doveri, convivenza, addestramenti e dure esercitazioni. Ma niente a che fare con naja, nonnismo o guerra. Qui l’obiettivo è insegnare alla Generazione Z il rispetto delle regole e l’importanza di fare gruppo. È La Caserma, il nuovo docu-reality di Raidue, prodotto in collaborazione con Blu Yazmine, che debutta domani in prima serata, per sei puntate. La nuova avventura televisiva del secondo canale Rai nasce sul solco tracciato da Il Collegio, appuntamento divenuto imperdibile per i Millennials. Stavolta i protagonisti sono 15 ragazzi e 6 ragazze...

di Barbara Berti

Disciplina, doveri, convivenza, addestramenti e dure esercitazioni. Ma niente a che fare con naja, nonnismo o guerra. Qui l’obiettivo è insegnare alla Generazione Z il rispetto delle regole e l’importanza di fare gruppo.

È La Caserma, il nuovo docu-reality di Raidue, prodotto in collaborazione con Blu Yazmine, che debutta domani in prima serata, per sei puntate. La nuova avventura televisiva del secondo canale Rai nasce sul solco tracciato da Il Collegio, appuntamento divenuto imperdibile per i Millennials.

Stavolta i protagonisti sono 15 ragazzi e 6 ragazze appena maggiorenni, provenienti da tutta Italia, che non hanno mai sperimentato un mondo senza internet e social media, e che per un mese vivranno un’esperienza estrema e sconosciuta: una sfida per mettersi alla prova, per imparare a credere nell’amicizia e nel rispetto degli altri. "Il programma, che non ha alcuna collocazione temporale, è un mix tra romanzo esperienziale e adventura - dicono gli autori dello show - con l’idea di raccontare i ventenni del 2020, una generazione profondamente matura, capace di leggere la tradizione, proiettarsi nel futuro e ben consapevole di se stessa".

I 21 protagonisti, attraverso un training ispirato alla disciplina militare - gli istruttori sono ex militari -, si troveranno ad affrontare duri percorsi ginnici, corse zavorrate, camouflage, escursioni in esterna, suggestive arrampicate e spettacolari traversate di un ponte tibetano.

Durante i 30 giorni di vita in caserma i ragazzi dovranno imparare a superare i propri limiti, per crescere e diventare un po’ più adulti. E per farlo dovranno sviluppare il "senso del fare", cioè unire le proprie capacità e metterle a disposizione dell’altro. Ma prima delle prove fisiche e attitudinali, c’è da imparare a indossare correttamente la divisa, a fare il ’cubo’ (per rifare il letto), fare l’alzabandiera e, soprattutto svegliarsi all’alba (e subito) al suono della tromba.

Fondamentale, dunque, il rispetto delle regole imposte da 5 istruttori professionisti (Simone Cadamuro, Germano Capriotti, Deborah Colucci, Giovanni Rizzo, Salvatore Rossi) sotto l’occhio vigile di un irremovibile istruttore capo, Renato Daretti. Lo scenario, particolarmente affascinante per la stagione invernale, è Levico, in provincia di Trento, con una struttura adibita a caserma e trasformata per l’occasione in un set dove tutto il programma è stato registrato nel pieno rispetto delle norme di sicurezza previste per l’emergenza sanitaria in corso.

Le ’reclute’ sono per lo più ragazzi della porta accanto - studenti, lavoratori, disoccupati - ma non mancano star dei social come Nicholas e William Lapresa, conosciuti su TikTok come Lapresa Twins dove contano 7 milioni di follower, o vecchie conoscenze de Il Collegio come George Ciupilan.

Voce narrante dell’avventura sarà l’attore Simone Montedoro, l’amato capitano dei carabinieri Giulio Tommasi nella fiction Rai Don Matteo.