Il poggiatesta è la superficie più sporca che tocchiamo in aereo - Foto: lovell35/iStock
Il poggiatesta è la superficie più sporca che tocchiamo in aereo - Foto: lovell35/iStock
Se, quando vi accomodate nel vostro sedile in aereo, vi siete mai domandati "Chissà se hanno pulito", è probabile che la risposta in molti casi sia: poco, raramente e male. Il programma tv Marketplace dell'emittente CBC ha condotto una serie di test allo scopo di individuare le superfici più sporche con cui entriamo in contatto a bordo. E hanno trovato di tutto, compresi muffe e batteri pericolosi per la salute.

A CACCIA DI BATTERI IN AEREO
I tipi di Marketplace hanno raccolto oltre cento campioni su 18 voli delle tre principali compagnie canadesi, Air Canada, WestJet e Porter; in particolare, si sono concentrati sul poggiatesta, la tasca del sedile davanti, la cintura di sicurezza, il tavolino pieghevole e la maniglia dei bagni.

I tamponi sono quindi stati inviati al microbiologo Keith Warrine della University of Guelph, che li ha analizzati scoprendo ogni genere di schifezza. Sul sito del programma ha dichiarato: "Sono rimasto sbalordito da quanti patogeni abbiamo scoperto, alcuni dei quali più spaventosi di altri". Su tutti l'E. coli, un batterio che indica contaminazione fecale e che può provocare infezioni, dissenteria, dolori addominali e altri disturbi.

LE 5 SUPERFICI PIÙ SPORCHE
Ed eccoci alla classifica delle superfici più luride, che purtroppo non possiamo evitare di toccare anche se sarebbe meglio starne alla larga. In quinta posizione, e quindi la meno preoccupante, si piazza la cintura di sicurezza, che in un terzo dei campioni esaminati presenta tracce di muffa e lieviti.

Quarto il tavolino, con alti livelli di muffa e la presenza di streptococchi emolitici. Terza la maniglia della toilette, su cui sono stati rilevati streptococchi emolitici e il terzo conteggio più alto di batteri aerobi. Seconda la tasca del sedile, che "vanta" il secondo conteggio più alto di batteri aerobi (fra cui lo stafilococco aureo che causa infezioni della pelle), alti livelli di muffa e tracce di E. coli. Il personale di volo intervistato da Marketplace ha rivelato che nella tasca si trovano regalini come pannolini sporchi, assorbenti, scarti e involucri di cibo, sacchetti del vomito…

Ma il trionfatore assoluto di questa sgradevole classifica è il poggiatesta, che ha fatto registrare il conteggio più alto di batteri aerobi e una quantità di E. coli e streptococchi emolitici.


Leggi anche:
- La cosa più sporca in un aeroporto
- Primo volo con biocarburante cambia i viaggi aerei per sempre
- La meditazione in aereo per viaggiare rilassat i