18 gen 2022

L’avventura di un “gastronauta“ Il cibo come cultura dei popoli

Il nuovo libro di Davide Paolini: un viaggio di scoperte, fra grandi ristoranti e la semplicità della tradizione

mauro bassini
Magazine

di Mauro Bassini Non è facile vivere ai tempi del Covid per chi è abituato a prendere un aereo a settimana e improvvisamente si ritrova pendolare tra il divano e la camera da letto. Davide Paolini è un romagnolo di grandi passioni e grandi numeri. Da quasi quarant’anni firma A me mi piace, una splendida rubrica per ghiottoni sul Sole 24 Ore. È una delle poche voci serie e autorevoli del giornalismo gastronomico italiano, infestato da roboanti nullità e da venditori seriali di pubblicità spacciate per informazioni. Da decenni Paolini viaggia in tutti i continenti per raccontare emozioni e scoperte legate al cibo. Viaggia tanto. Il cibo sa spiegare la gente, le tradizioni, la storia. Insegna il dovere di difendere la biodiversità, di tutelare le coltivazioni e gli allevamenti compatibili con la nostra salute e con quella del pianeta. Paolini ne ha fatto una battaglia. Una vita da gastronauta, per usare un termine da lui creato. Ne è uscito un libro ricco e avvincente – Confesso che ho mangiato, Giunti editore – che ogni appassionato di buona tavola vorrebbe poter scrivere. Non è un libro di cucina ma di scoperte, vicine o lontanissime. Le ostriche di Cancale raccontano il mare e il paesaggio della Bretagna meglio di una visita guidata o di un romanzo di Simenon. Conosciamo tutto delle stagionature del parmigiano reggiano, ma poco o nulla del canestrato di Moliterno, uno straordinario formaggio lucano che nasce dal latte di pecore e capre. Non immaginiamo come la scelta del legno (faggio, castagno, quercia) cambi meravigliosamente gli aromi di un salmone affumicato canadese. Da Parigi alla Cina, dal Canada all’Australia, il racconto di Paolini è una collezione di sorprese. Grandi ristoranti, cuochi celebri e star internazionali spuntano in incontri indimenticabili. Il grande innovatore Fredy Girardet, l’estroso inglese Marco Pierre White, e Paul ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?