Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
7 giu 2022

L’avventura di Pratt in un dolce mare di libri

Nasce vicino a Losanna la Biblioteca del fumettista con i volumi accumulati in una vita. E Corto Maltese si mette ai fornelli con otto chef

7 giu 2022
stefano carli
Magazine

di Stefano Carli "Avevamo trovato delle casse di stelle filanti per il carnevale e alla dogana i dancali di guardia ci giocavano. Sembrò per un momento una piccola festa malinconica". È un appunto poetico, una reverie inestimabile. Scritta a inchiostro nero sulla prima pagina di Africa senza sole del giornalista Piccinni. La calligrafia è inconfondibile: appartiene a Hugo Pratt, autore di fumetti nato nel 1927 e scomparso nel 1995, il creatore e alter ego di Corto Maltese. Chissà quando e perché il lampo della memoria è saltato fuori. Un flash, un sogno a occhi aperti. Il ricordo di un adolescente sbarcato nell’Africa italiana al seguito del padre Rolando, militare di carriera trasferito nel 1936 in Abissinia, che fa amicizia con i coetanei e impara la lingua locale in un mondo vietato agli stranieri. Arruolato nella polizia coloniale a 14 anni, il ragazzino conosce il mondo militare: le nostre truppe ma anche l’esercito inglese, francese, senegalese. Il fascino delle divise, gli stemmi, i colori, i volti gli rimarranno impressi. Pronti ad affiorare nella sua letteratura disegnata. Il volumetto era in uno delle centinaia di scatoloni accatastati su 32 bancali chiusi da troppo tempo. Dentro, i libri accumulati in una vita intera. "Quando voglio divertirmi leggo Hegel, se voglio impegnarmi leggo Corto Maltese", scriveva Umberto Eco, che di libri ne aveva accumulati una montagna. Una montagna incantata. Lo stesso è accaduto a Pratt. Ultimato alla vigilia della morte l’inventario che aveva classificato – preservandoli intatti – i rapporti di vicinato e le affinità elettive tra libro e libro, si erano perse le tracce della sua biblioteca di Babele. Una meraviglia di carta che campeggiava nella villa di Grandvaux affacciata sul lago di Ginevra. Finché oggi è riemersa nelle sale del Villars Palace a Villars-sur-Ollon, poco lontano da Losanna. "È stata dura ma ce l’abbiamo fatta", ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?