Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
28 apr 2022

L’amore segreto di Pahor e quel delitto a Trieste

Il mistero dell’omicidio degli “sposi di via Rossetti“ del ’44 rivive nel libro dello scrittore centenario che ebbe con Danica un legame clandestino

28 apr 2022
lorenzo guadagnucci
Magazine
Danica Tomažič e Stanko Vuk, gli “sposi di via Rossetti“ uccisi a Trieste nel marzo ’44
Danica Tomažič e Stanko Vuk, gli “sposi di via Rossetti“ uccisi a Trieste nel marzo ’44
Danica Tomažič e Stanko Vuk, gli “sposi di via Rossetti“ uccisi a Trieste nel marzo ’44
Danica Tomažič e Stanko Vuk, gli “sposi di via Rossetti“ uccisi a Trieste nel marzo ’44
Danica Tomažič e Stanko Vuk, gli “sposi di via Rossetti“ uccisi a Trieste nel marzo ’44
Danica Tomažič e Stanko Vuk, gli “sposi di via Rossetti“ uccisi a Trieste nel marzo ’44

di Lorenzo Guadagnucci Villa Tomažič, a Trieste, è in via dei Porta, una laterale di via Rossetti, in un bel quartiere borghese che sale verso il Carso, nelle immediate vicinanze del centro storico. Sulla facciata della villa, una decina di anni fa, è stata apposta una lapide che allude a vicende risalenti agli anni del fascismo e della guerra: “Dimora di una famiglia che rimarrà per lealtà, resistenza, grandezza d’animo e tragico destino nel perpetuo ricordo degli sloveni“. Degli sloveni ma anche di tutti i triestini e – perché no – del resto degli italiani, visto che la vicenda dei Tomažič intreccia vita pubblica ed esistenze private, questioni storiche e letteratura. Il pater familias era Pepi Tomažič, titolare in città del più noto e frequentato dei “buffet“ (una via di mezzo fra una tavola calda e una trattoria), ossia Pepi S’ciavo, frequentato da generazioni di operai, portuali, fattorini, ma anche impiegati, funzionari, dirigenti e oggi anche turisti, richiamati dai suoi piatti mitteleuropei rimasti immutati dai tempi degli Asburgo. Pepi morì nel ’44 nel crollo di un muro colpito dai bombardamenti: in quel momento aveva già sofferto il dolore più grande che una persona possa subire, la morte in gioventù dei propri figli. Il primogenito, Pino, classe 1915, era un ragazzo forte e intelligentissimo, un idealista entrato giovanissimo in conflitto col regime fascista, che colpì la minoranza slovena della città nel modo più crudele e profondo: il divieto di parlare la lingua madre in pubblico, a scuola come per strada o sui mezzi di trasporto. Pino diventò un rivoluzionario, sposò il marxismo, si mise a capo di un movimento clandestino di resistenza, finché non fu arrestato e condannato a morte dal Tribunale speciale salito a Trieste per giudicare centinaia di sloveni antifascisti. Pino venne fucilato con quattro compagni al poligono di tiro ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?