È morta il 5 aprile nella sua casa di Winter Haven, in Florida, il giorno dopo aver compiuto 97 anni, Joye Hummel, autrice in gran segreto delle strisce di Wonder Woman e una delle prime donne a sceneggiare un fumetto. Nata a New York nel 1924, a 19 anni Joye Hummel inizia a studiare psicologia alla Katherine Gibbs School di Manhattan dove un professore carismatico, lo psicologo William Moulton Marston, co-creatore del fumetto di Wonder Woman (il disegnatore era Harry G. Peters), la assume come assistente, per poi chiederle di aiutarlo nella stesura delle sceneggiature per le strisce quotidiane della prima eroina femminile della Dc Comics. Hummel lavorerà così come ghostwriter di Wonder Woman fino al 1947, molto tempo prima che una donna fosse pubblicamente accreditata come scrittrice per la serie. La prima sceneggiatrice ufficiale è stata Dann Thomas nel 1983.

Quando Marston si ammala di poliomielite, Hummel prende in mano la storia di Wonder Woman, scrivendone i testi. Alla morte dello psicologo, nel ’47, Dc Comics decide però di affidare le sceneggiature della serie a Robert Kanigher, nonostante le proteste della stessa famiglia di Marston. Il vero ruolo ricoperto da Hummel sarà rivelato solo alla fine degli anni ‘80.