Bicchiere di birra alla spina (Ansa)
Bicchiere di birra alla spina (Ansa)
L'anno scorso all'Oktoberfest di Monaco di Baviera quasi centomila persone sono state colte in flagrante mentre cercavano di trafugare un boccale, e chissà quanti ladruncoli sono riusciti a portarsene a casa uno impunemente. Ma per una donna americana il senso di colpa è stato così opprimente che ha deciso di rispedire in Germania il boccale che aveva rubato. Anche se per fare ammenda ci ha messo il suo tempo: 55 anni, per l'esattezza.

Qualche giorno fa la più famosa birreria storica di Monaco, la Hofbrauhaus, ha ricevuto un inatteso pacco dagli Stati Uniti e ha poi raccontato la storia in un post su Facebook. Nella confezione c'era il fatidico boccale accompagnato da un biglietto di scuse che recitava: "Ho preso questo boccale dal vostro locale nell'estate del 1965, quando ero giovane, sconsiderata e avventata. Mi dispiace di non averlo restituito prima. Mi auguro che arrivi integro". Firmato, Celeste.



La vicenda è così singolare che la CNN ha cercato e intervistato la signora. La settantatreenne Celeste Sweeney, del Maryland, ha spiegato che nel 1965 stava viaggiando per l'Europa insieme alla sorella durante il suo primo anno di college e che ha sottratto il boccale come ricordo di una bella serata trascorsa alla Hofbrauhaus.

Tornata in America, ha conservato la refurtiva per tutti questi anni. Tuttavia, di recente lei e il marito sono andati in pensione e hanno deciso di liberarsi di un po' di oggetti vecchi, ma Celeste non se l'è sentita di buttare via il boccale. A maggior ragione quando ha scoperto che la birreria ha smesso di produrre quel modello negli anni Settanta e che quindi poteva avere un valore storico. E così, dopo mezzo secolo, lo ha finalmente spedito a Monaco.

Colpita e divertita dal gesto, la Hofbrauhaus ha stabilito di esporre il boccale restituito all'interno di una mostra di prossimo allestimento e ne ha mandato alla signora uno nuovo di zecca, che Celeste potrà tenere senza sensi di colpa.