Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
13 lug 2022

La preghiera di Muti abbraccia Lourdes

Una serata all’insegna della spiritualità con il concerto delle “Vie dell’amicizia“. Domani sera la replica al santuario di Loreto

13 lug 2022
stefano marchetti
Magazine

di Stefano Marchetti A Lourdes ognuno porta con sé ciò che ha di più caro, ciò che tiene nel cuore: una sofferenza, una ferita, un desiderio, un ricordo, un’implorazione, una speranza. In questo luogo, dove si incontrano pellegrini di ottanta nazionalità e si prega in tutte le lingue del mondo, Riccardo Muti, insieme all’orchestra giovanile Luigi Cherubini, ha portato una preghiera solenne e universale, quella della musica, che parla di bellezza, di fratellanza e – tanto più oggi – di pace. L’altra sera, proprio nel giorno dedicato a San Benedetto, patrono d’Europa, l’esplanade del santuario di Lourdes si è ammantata delle note dell’applauditissimo concerto delle “Vie dell’amicizia“ con cui Ravenna Festival da 25 anni approda anche in terre lontane. Tremila spettatori – fra cui numerosi disabili, accolti da L’offrande musicale, il festival inclusivo diretto dal pianista David Fray – per un toccante abbraccio che dai capolavori della musica e dell’arte italiana si è esteso fino all’eredità popolare della tradizione basca e occitana, e all’intensa vocalità delle culture dell’Est: al concerto, infatti, hanno partecipato anche gli artisti del coro del teatro dell’Opera di Kiev che già dalla scorsa primavera Cristina Mazzavillani Muti – anima e ‘regista’ del festival – ha chiamato a Ravenna. "È stata una serata all’insegna della spiritualità", confida il Maestro Muti. E non è (solo) questione di fede: "Possiamo essere cattolici, protestanti o buddisti, ma tutti possiamo unirci per un mondo migliore", aggiunge. La Luce dei misteri del Rosario, che Marko Ivan Rupnik ha trasposto nei mosaici sulla facciata della basilica, si è riflessa nello splendore di un ricco percorso musicale, a partire dal superbo Magnificat di Vivaldi con le voci soliste del soprano Arianna Vendittelli e del contralto Margherita Maria Sala. Poi la profondità dell’eucaristico Corpo di Cristo intonato dal coro di Kiev, e il canto struggente (composto da ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?