di Barbara Berti Ha stabilito lo standard della "cattiva" da soap opera cambiando le sorti di Dynasty. Oggi è pronta a pubblicare i suoi diari "oltraggiosi" ed "esilaranti" senza alcuna censura. L’attrice britannica Joan Collins, 87 anni, per lungo tempo sex-symbol del cinema hollywoodiano, pubblicherà The Uncensored & Unapologetic Diaries Of Joan Collins, un libro dove...

di Barbara Berti

Ha stabilito lo standard della "cattiva" da soap opera cambiando le sorti di Dynasty. Oggi è pronta a pubblicare i suoi diari "oltraggiosi" ed "esilaranti" senza alcuna censura. L’attrice britannica Joan Collins, 87 anni, per lungo tempo sex-symbol del cinema hollywoodiano, pubblicherà The Uncensored & Unapologetic Diaries Of Joan Collins, un libro dove racconterà, senza esclusione di colpi, i suoi incontri con tante celebrità dello star-system internazionale, accompagnate da "riflessioni ironiche".

La notizia del libro – che sarà pubblicato in Inghilterra dall’editore Weidenfeld & Nicolson nell’autunno 2021 – arriva a quarant’anni di distanza dal debutto di Dynasty (nel gennaio 1981 sul canale americano Abc), la soap che insieme a Dallas è stata un cult degli anni ’80. Creata da Richard and Esther Shapiro e prodotta da Aaron Spelling – storico produttore tv di serie come Charlie’s Angels, Love Boat, Beverly Hill 90210 e Melrose Place – la serie è ambientata a Denver in Colorado. Originariamente intitolata Oil, narra le vicende della famiglia del magnate del petrolio Blake Carrington, interpretato da John Forsythe, e della rivalità con i Colby. Il grande successo del telefilm, che in Italia viene trasmesso a partire dall’autunno del 1982 su Rete 4 arriverà solo con l’avvio della seconda stagione quando nel cast entra Alexis, la perfida e senza scrupoli prima moglie di Blake Carrington e acerrima nemica di Krystle, la seconda moglie, interpretata da Linda Evans: classica contrapposizione tra la "femme fatale" bruna e la dolce e rassicurante bionda. La star di Dynasty – che nel telefilm indossa sempre abiti da red carpet – aveva l’abitudine di tenere un’agenda quotidiana per tutti i suoi appuntamenti. In quelle stesse agende teneva un diario in tempo reale dove annotava tutti i dettagli che, secondo le prime indiscrezioni, sono "scandalosi". E riguardano anche i reali inglesi.