Foto: Amazon Studios
Foto: Amazon Studios
Mercoledì 5 dicembre Amazon Prime Video pubblica i dieci episodi che compongono la stagione 2 di 'La fantastica signora Maisel', cioè la serie TV che ha sorpreso e conquistato i telespettatori di mezzo mondo, vincendo nel frattempo due Golden Globe e cinque Emmy. Stiamo insomma parlando di un prodotto notevole, che vale la pena di essere visto: ecco le 3 ragioni principali.

LA FANTASTICA SIGNORA MAISEL PARLA (BENE) DI DONNE

Il nuovo fermento femminista ha influenzato in modi più o meno evidenti il successo di alcuni prodotti televisivi e ha incoraggiato la realizzazione di serie TV, o anche film, capaci di mettere in scena il mondo delle donne. Non tutto ciò che abbiamo visto è stato però all'altezza del contesto storico e sociale che stiamo vivendo: in alcuni casi la sensazione è stata di una forzatura, la scelta cioè di uno sguardo "al femminile" furbo e strumentale, piuttosto che onesto e sentito.

In alcuni casi abbiamo invece avuto serie TV che hanno saputo raccontare molto bene il mondo delle donne: vedi ad esempio lo storico 'The Crown', l'agrodolce 'Glow', la distopia di 'The Handmaid's Tale' e, appunto, la commedia della 'Fantastica signora Maisel'.

LA FANTASTICA SIGNORA MAISEL È SCRITTO BENISSIMO
La trama racconta di una donna newyorkese che, nel 1958, viene lasciata dal marito fedifrago e scopre pure di non aver alcun appoggio dalla famiglia: affranta e brilla, sale su un palcoscenico per aspiranti comici e si lancia in una divertentissima tirata che dà inizio alla propria carriera di cabarettista.

Lo spunto narrativo è fertile, ma da solo non spiegherebbe il successo della 'Fantastica signora Maisel': la vera marcia in più è infatti fornita dalla sceneggiatrice Amy Sherman-Palladino ('Una mamma per amica'), autrice di dialoghi e monologhi scoppiettanti, ritmatissimi e in perfetto equilibrio fra brio e malinconia.

LA FANTASTICA SIGNORA MAISEL È RECITATO BENISSIMO
Senza volere peccare di lesa maestà, potremmo dire che recitare i copioni della Palladino è un po' come portare su palcoscenico i testi di Shakespeare: in entrambi i casi attrici e attori sono chiamati a un tour de force. Spetta a loro trasformare il fiume di parole in un veicolo di emozioni e di senso, senza dare l'impressione di caos. Un compito splendidamente svolto dal cast della 'Fantastica signora Maisel', in primis da Rachel Brosnahan (la protagonista) e da Alex Borstein (che interpreta la sua manager).

IL TRAILER DELLA STAGIONE 2, IN INGLESE


Leggi anche:
- L'amica geniale, la serie TV tratta dai romanzi di Elena Ferrante
- Baby, la serie italiana di Netflix sulle adolescenti squillo
- 1983, la serie TV di Netflix: la guerra fredda non è mai finita