Elena in viaggio verso Ischia nella fiction de 'L'amica geniale' (Ansa)
Elena in viaggio verso Ischia nella fiction de 'L'amica geniale' (Ansa)

Roma, 13 dicembre 2018 - Una scena scabrosa del sesto episodio de l'Amica geniale, andata in onda martedì sera su Rai 1, viene tagliata e subito sul web si apre il dibattito. C'è chi parla di censura, chi di scivolone della Rai, ma da viale Mazzini viene spiegato che non si è "trattato di censura, ma tutela per una fascia di pubblico più sensibile in fascia protetta". La scena è il finale dell'episodio 'L'isola', quando Lenù (Elena), 15 anni appena compiuti, subisce un viscido bacio e la molestia di Donato Sarratore, padre di Nino, il ragazzo di cui è innamorata; il ferroviere-poeta le tocca la gamba con insistenza nella casa ad Ischia in cui Elena si trova a passare l'estate. Ma un frame di un minuto e pochi secondi, quello più crudo, è stato sforbiciato. Una sequenza piuttosto forte, tagliata sulla Rai, ma mandata in onda per intero sul canale statunitense Hbo e che si può vedere integralmente anche su Timvision.

Lo stacco tra la versione originale e quella trasmessa dalla Rai è rapido, perché è poco ciò che viene tagliato, e il telespettatore neanche se ne accorge, ovvero lo scopre solo a posteriori, leggendo i giornali o magari rivedendo la puntata su altre piattaforme. Ma ciò non ha evitato le polemiche, tanto che in Rai è stato subito spiegato, e lo si è fatto anche oggi, che non si è trattato di censura, ma l'aver tutelato i telespettatori, molti dei quali minorenni.

La scena che la rai fa vedere dopo il bacio - in quella che è la parte più dura di tutta la fiction tratta dal bestseller di Elena Ferrante e diretta da Saverio Costanzo - è la telecamera indugiare sul volto immobile e piangente interpretata dalla giovane Margherita Mazzucco. La versione originale, invece, mostra la mano di Donato Sarratore insistere sulle gambe della giovane protagonista, fino a cercare di provocarle piacere. Ma va ricordato che Hbo è un'emittente privata e via cavo, quindi chi vuole guardarla la sceglie appositamente, la compra. Discorso diverso, naturalmente, quello che riguarda la Rai. La tv del servizio pubblico viene pagata dai contribuenti con il canone, per cui deve tener conto di certe tematiche sensibili che per un pubblico in prima serata fanno parte del tessuto culturale.