Johnny Depp
Johnny Depp

Sono bastate poche ore perché si scatenasse la polemica, che ora sta assumendo dimensioni ragguardevoli. Tutto è cominciato il 9 agosto, quando il San Sebastian Film Festival, la più importante kermesse cinematografica spagnola, ha annunciato l'assegnazione del premio alla carriera all'attore Johnny Depp. Subito si sono levate alcune voci di dissenso che alla fine hanno trovato un megafono nel CIMA, cioè l'associazione che riunisce le donne spagnole che lavorano nel mondo del cinema e degli audiovisivi. Cristina Andreu, la presidente dell'associazione, ha detto di essere rimasta "molto sorpresa" dalla decisione e ha commentato che "mette in pessima luce il Festival e la sua dirigenza, oltre a fare passare un messaggio terribile: non importa se sei colpevole di abusi fintantoché sei un bravo attore".


Johnny Depp accusato di essere colpevole di abusi

La polemica nasce dalla recenti vicende private e giudiziarie di Johnny Depp, accusato dalla ex moglie Amber Heard di averla abusata verbalmente e fisicamente: un'affermazione in parte mitigata dalla stessa Heard ai tempi del divorzio, a gennaio del 2017, ma rimasta sul piatto negli anni successivi. Così, quando il tabloid Sun definì Depp un "picchiatore di mogli", lui decise di fare causa per diffamazione, portando a un dibattimento molto pubblicizzato che alla fine l'ha visto perdere in aula. Al momento è aperto un secondo ricorso al tribunale, che verrà discusso nell'aprile 2022: si riferisce a un articolo scritto da Heard e nel quale la relazione con Depp veniva definita "abusiva". Affermazione ribaltata dal diretto interessato, che accusa la ex moglie di essere stata lei la parte abusante della coppia.

Il premio del Festival di San Sebastian non è l'unico

Lo scontro con Amber Heard ha avuto ripercussioni sulla carriera di Johnny Depp, che per esempio ha dovuto abbandonare il ruolo di Gellert Grindelwald nella saga di 'Animali fantastici'. Nel contempo, però, ecco arrivare riconoscimenti da parte dei Festival: San Sebastian (17-25 settembre) è quello che fa più rumore perché si tratta di un appuntamento piuttosto importante, a livello internazionale. Ma anche il Karlovy Vary della Repubblica Ceca onorerà l'attore nella sua edizione 2021 (20-28 agosto). In entrambi i casi i comunicati stampa sottolineano la versatilità e il talento di Johnny Depp, tacendo completamente le sue vicende private. E la polemica non poteva che esplodere.

Le polemiche

Tornando alla presidente del CIMA: dopo avere stigmatizzato la decisione del San Sebastian Film Festival, Cristina Andreu ha detto che l'associazione "sta studiando nuove azioni" da portare avanti. A quanto pare, però, siamo di fronte a un muro contro muro: il Festival non commenta le dichiarazioni del CIMA, rifiuta di rispondere alle domande dei giornalisti e insomma si comporta come se la polemica non ci fosse. A questo punto è difficile credere che farà marcia indietro. Insomma, assisteremo probabilmente a quanto già accaduto per esempio nel 2020, quando Roman Polanski vinse il César come migliore regista grazie al film 'L'ufficiale e la spia', portando l'attrice Adèle Haenel e la regista Céline Sciamma ad abbandonare polemicamente la cerimonia di premiazione. Cioè, il premio verrà consegnato lo stesso e si registreranno dissensi fuori e forse dentro al palazzo del Festival.