James Levine (Ansa)
James Levine (Ansa)

Roma, 17 marzo 2021 - Addio a James Levine. E' morto all'età di 77 anni uno uno dei direttori d'orchestra più importanti e controversi al mondo. Protagonista per oltre 40 anni come direttore della Metropolitan Opera Orchestra, Levine nel 2018 era stato licenziato per per un clamoroso scandalo di abusi su minori. Levine è morto a Palm Springs in California, lo ha confermato il medico, Len Horovitz, al New York Times. Prima di essere licenziato, Levine aveva diretto oltre 2.500 spettacoli al Met (più di ogni altro direttore d'orchestra) e vinto 37 Grammy.

Nel 2017, in pieno scandalo #MeToo, il New York Times aveva portato in luce accuse di pedofilia tra cui una di un uomo all'epoca quindicenne che le molestie sessuali del musicista avrebbero spinto sull'orlo del suicidio. Dopo il licenziamento erano seguite le azioni legali: Levine aveva fatto causa al Met per 5,8 milioni di dollari. Il teatro aveva contrattaccato. Un accordo extragiudiziario era stato raggiunto nell'estate del 2000 in base al quale Levine fu pagato 3,5 milioni di dollari per chiudere il caso. Il maestro negli ultimi anni aveva avuto gravi problemi di salute: quando ancora saliva sul sul podio - e da ultimo dirigeva da una sedia a rotelle - i musicisti si lamentavano che, a causa del Parkinson, era impossibile seguirne le indicazioni della bacchetta.

La carriera di James Levine 

Nato a Cincinnati in Ohio il 23 giugno del 1943 in una famiglia di musicisti, si esibisce per la prima volta in pubblico a 10 anni eseguendo il Concerto per pianoforte No.2 di Felix Mendelssohn. Studia pianoforte con Rudolf Serkin e dopo essersi diplomato alla Walnut Hills High School di Cincinnati, 
Levine viene ammesso nel 1961 alla Juilliard School a New York, dove si diploma nel 1964.  Dal 1964 al 1965, Levine è apprendista del grande direttore George Szell con la Cleveland Orchestra, diventandone assistente fino al 1970, quando debutta sul podio dell'Orchestra Sinfonica di Filadelfia e da lì inizia la lunga carriera che lo porta a una fitta collaborazione con la prestigiosa Chicago Symphony Orchestra, attualmente guidata da Riccardo Muti.

Nel 1971 Levine fa il suo debutto al Met di New York con la 'Tosca' di Giacomo Puccini e il successo che accompagna quell'esecuzione lo avvia a diventare, nel 1976, direttore musicale dell'istituzione newyorchese che grazie a lui diviene uno degli ensemble musicali più attivi al mondo. Levine dirige le più prestigiose orchestre del mondo tra le quali i Filramonici di Vienna, i Berliner Philharmoniker, la Staatskapelle di Dresda, la Philharmonie Orchestra di Londra e la Münchner Philharmoniker Orchestra. Dirige anche nel tempio wagneriano di Bayreuth.