Il film alla fine non è stato realizzato, ma una quindicina di anni fa James Cameron e Tom Cruise stavano preparandosi a girare un film a bordo della Stazione Spaziale Internazionale: è quanto ha raccontato l'autore di 'Avatar' nel corso di un'intervista concessa al magazine inglese Empire.

JAMES CAMERON E TOM CRUISE NELLO SPAZIO

All'inizio degli anni Duemila James Cameron ha realizzato una serie di documentari ambientati nelle profondità marine, utilizzando un'avveniristica tecnologia di riprese in 3D: ha per esempio visitato il relitto della nave da guerra Bismark ('Expedition: Bismarck', 2002) e anche quello del transatlantico Titanic ('Ghosts of the Abyss', 2003). Più o meno negli stessi anni Cameron pensò di replicare l'esperienza, però nello spazio.

IL FILM NELLO SPAZIO
L'idea era di fare un film sullo spazio, girando però non all'interno di un teatro di posa, aggiungendo in post produzione gli effetti digitali, bensì recandosi fisicamente nello spazio. "Avevo un contratto con i russi per recarmi sulla Stazione Spaziale Internazionale e realizzare in loco un documentario in 3D", racconta Cameron, "e a un certo punto pensai che avrei dovuto girare un film. Proposi a Tom Cruise di trovare due posti sulla Soyuz, ma gli dissi che prima avremmo dovuto sottoporci a un corso di ingegneria aerospaziale. Lui rispose 'Non c'è problema, mi metterò a studiare'. Avevamo buttato giù qualche idea per la trama, ma non siamo mai andati oltre questa fase".

Leggi anche:
- Netflix, basta supereroi Marvel: cancellato anche Daredevil
- Quello di Jon Bon Jovi è il migliore vino rosé del 2018
- La storia del whisky Macallan da 1,35 milioni di euro