L'ipotesi di Riemann
L'ipotesi di Riemann

Roma, 24 novembre 2021 - È stato risolto uno dei più grandi problemi matematici di sempre, che resisteva da 150 anni, e che neanche il suo ideatore era riuscito a dimostrare. Stiamo parlando della congettura (o ipotesi) di Riemann che permette di predire con una grande accuratezza la distribuzione dei numeri primi. E nella coppia di fisici che ha trovato la soluzione del mistero, pubblicata sul Journal of Statistical Mechanics, c'è un italiano, Giuseppe Mussardo della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati, che ha lavorato assieme a André Leclair della Cornell University. I due fisici hanno risolto il problema dopo tre anni di lavoro ricorrendo alle nozioni della loro materia: le leggi di probabilità che regolano i movimenti caotici, come quelli degli atomi di gas che si urtano incessantemente fra loro. 

È stato "un vero tour de force, nell'analisi dati di un insieme incredibilmente grande di numeri primi, i costituenti basi dell'aritmetica, i veri e propri atomi della matematica", ha spiegato l'italia Mussardo. "Al cuore dell'argomento di Riemann c'era una congettura, che però lui non fu in grado di provare, sull'ubicazione di un numero infinito di zeri nel piano complesso di una particolare funzione, nota oggi come la funzione di Riemann" dove gli zeri sembrano allinearsi lungo una linea verticale con una grande regolarità. "Il fatto che la spiegazione venga dalla fisica, ovvero dalla meccanica statistica e dalle sorprendenti connessioni di questa disciplina con un campo genuinamente matematico come quello della teoria dei numeri, - ha concluso Mussardo - non fa che svelare la grande unità del sapere scientifico ed aumentare lo stupore di fronte ad un fatto così profondo".