Mercoledì 24 Luglio 2024

“Inside Out 2”: il miglior esordio al botteghino Usa dell’anno

Il sequel del cartoon Disney-Pixar conquista il pubblico statunitense grazie alle nuove emozioni legate alla pubertà della protagonista: su tutte, Ansia

Ansia in "Inside Out 2"

Ansia in "Inside Out 2"

Los Angeles, 16 giugno 2024 –  Non aver paura dei sentimenti. “Inside Out 2” di Disney e Pixar ha appena segnato il giorno di apertura al botteghino Usa più remunerativo dell'anno finora, guadagnando la spettacolare cifra di 62 milioni di dollari solo venerdì e proiezioni in anteprima da 4.440 location. Non avrà problemi a superare gli 82,5 milioni di dollari guadagnati da “Dune: Part Two” per diventare il più grande debutto statunitense del 2024. Sarà anche la prima uscita a raggiungere un debutto a nove cifre in quasi 11 mesi – l’ultimo a superare i 100 milioni di dollari è stata “Barbie” l’estate scorsa. Si tratta di un gradito ritorno per i Pixar Animation Studios , che negli ultimi anni hanno faticato al botteghino dopo che la Disney ha fatto uscire film come “Turning Red”, “Soul” e “Luca” direttamente a Disney+ durante la pandemia di Covid, una decisione presa dalla Pixar.

Approfondisci:

Inside Out 2, che Ansia. “Belle o brutte: impariamo ad amare tutte le emozioni”

Inside Out 2, che Ansia. “Belle o brutte: impariamo ad amare tutte le emozioni”

Ma quale è il segreto di "Inside Out 2"? E' l'ansia. "Se hai visto 'Inside Out' (2015), i tuoi condotti lacrimali saranno già pronti per il sequel. Il film originale è incentrato sulla vita di Riley, una ragazzina di 11 anni carina e coraggiosa, anche se decisamente ordinaria _ scrive il New York Times _ . Ciò che distingue Riley è che i suoi meccanismi interiori sono rappresentati come un regno elaborato con personaggi che incarnano le sue emozioni fondamentali. Per gran parte della sua vita, quelle emozioni sono state orchestrate da Gioia (doppiata nell'originale da Amy Poehler). Una volta che i genitori di Riley trasferiscono la famiglia in una nuova città, però, Tristezza (Phyllis Smith) si fa avanti e la nostra ragazza precipita nella depressione. Essendo questo il meraviglioso mondo della Pixar, le emozioni alla fine trovano un nuovo equilibrio armonioso e Riley diventa di nuovo una bambina felice".

"All'inizio di 'Inside Out 2', Joy è ancora alle prese con Tristezza, Rabbia (Lewis Black), Paura (Tony Hale) e Disgusto (Liza Lapira) all'interno del quartier generale piazzato nel suo cervello. È qui, nel centro della mente di Riley - una distesa labirintica e ingegnosamente dettagliata che è in parte parco-giochi, in parte zona industriale - che i sentimenti ‘antropomorfi’  la monitorano su un enorme schermo ovale, come se stessero dietro i suoi occhi. Tracciano, gestiscono e talvolta interrompono i suoi pensieri e le sue azioni, utilizzando una consolle di controllo, che assomiglia a un mixer audio e diventa più complessa man mano che Riley cresce. Al termine del primo film, sulla consolle si è materializzato un nuovo misterioso pulsante etichettato 'pubertà'; subito dopo l'apertura del sequel, quel pulsante si è trasformato in un allarme rosso sempre acceso".

"La pubertà scatena problemi per Riley (Kensington Tallman) in 'Inside Out 2' _ prosegue la recensione del New York Times _, alcuni dei quali molto toccanti, la maggior parte dei quali non sorprendenti. È passato quasi un decennio dall'uscita del primo film, ma il momento di apertura del film è magico e poco dopo l'inizio della storia Riley sta spegnendo le candeline sulla sua torta del 13esimo compleanno con l'apparecchio metallico sui denti e un brufolo ostinato sul mento. Presto arrivano nuove emozioni guidate da Ansia (Maya Hawke), color carota con sopracciglia tremanti e capelli tutti ritti. Non molto tempo dopo, Ansia prende il comando sia della consolle che di Riley, con l'aiuto di Invidia (Ayo Edebiri), Imbarazzo (Paul Walter Hauser) e Noia (Adèle Exarchopoulos) stanca e con accento francese".

Diretto da Kelsey Mann, questo sequel fluido e lineare si concentra in gran parte sull'interludio snervante di Riley in un campo di hockey femminile, un episodio che la separa dai suoi genitori mentre le porta nuovi amici, sentimenti e scelte. Come nel primo film, la storia si sposta incessantemente tra ciò che accade nella testa di Riley e ciò che accade mentre la ragazza affronta il mondo. Le sue nuove emozioni la trovano preoccupata, lamentosa, arrossita e fintamente indifferente, mentre Gioia e il resto delle emozioni più vecchie vengono battute dalle nuove, non senza umorismo.

"Mentre lotta con le sue nuove emozioni _ scrive ancora il ‘New York Times’ _ il film cambia marcia a poco a poco. Riley potrebbe essere un'adolescente sopraffatta da nuove sensazioni e sentimenti corporei, ma le persone che hanno realizzato questo film attraversano in punta di piedi questa fase di sviluppo come fossero genitori affettuosi, che non sono pronti a lasciare che la loro ragazza cresca. A tal fine, Riley non ha il ciclo, non fugge di casa, non si prende una cotta. Inoltre non fissa il suo telefono, poiché l'allenatore di hockey ha, con una mossa narrativamente conveniente, requisito i telefoni delle ragazze. Riley era una ragazza simpatica e normale; lo è ancora. Si scopre che l'abbraccio di gruppo che ha condiviso con i suoi genitori nel primo film non era solo dolce, era anche una dichiarazione dei principi Pixar".