Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
20 giu 2022

Gli incendi spontanei più antichi del mondo e il loro ruolo nei mutamenti terrestri

430 milioni di anni fa, fra Gallese Polonia scoppiarono incendi velocissimi e devastanti che ci aiutano a capire meglio come cambiarono le condizioni della vita sulla Terra

20 giu 2022
Gli incendi spontanei antichi aiutano a capire l'evoluzione della vita
Gli incendi spontanei antichi aiutano a capire l'evoluzione della vita
Gli incendi spontanei antichi aiutano a capire l'evoluzione della vita
Gli incendi spontanei antichi aiutano a capire l'evoluzione della vita

Gli incendi spontanei più antichi del mondo risalgono a 430 milioni di anni fa, localizzati fra Galles e Polonia. Li hanno scoperti i ricercatori del Colby College del Maine, analizzando i depositi di carbone risalenti a quell’epoca: ci danno un'idea preziosa di come fosse la vita sulla Terra durante il periodo Siluriano, e di come si è evoluta.
Perché sono scoppiati questi grandi incendi? Probabilmente vennero causati da fulmini che colpirono macrofossili (che fungevano da combustibile): in presenza di poca acqua, le piante si accendevano provocando grandi e velocissimi incendi che bruciavano tutto quello che esisteva fino all’altezza della vita. A quel tempo la vegetazione era piuttosto bassa: il paesaggio era dominato non da alberi ma dall'antico fungo Prototaxites, che cresceva al massimo fino a nove metri di altezza.
Per esistere, gli incendi hanno bisogno di combustibile (piante), di una fonte di accensione (qui furono i fulmini) e di ossigeno sufficiente per bruciare.

Ossigeno e incendi sulla Terra

Il ruolo degli incendi sulla Terra

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?