Il 3 luglio di cinquant’anni fa, a Parigi, moriva Jim Morrison. Aveva 28 anni. La stessa età di Jimi Hendrix, che era morto nel settembre dell’anno prima, e un anno in più di Janis Joplin, morta in ottobre, sempre del 1970. La triade maledetta del rock’n’roll. La tomba di Morrison al Père Lachaise di Parigi continua a essere uno dei luoghi più visitati della città e oggi sarà transennata per contenere gli eccessi dei fan. I 50 anni trascorsi, se è possibile, hanno ulteriormente rafforzato il mito di una delle icone più potenti della storia della musica popolare. Un fenomeno impressionante, se si pensa che i Doors si sono formati nel 1965 e che il primo disco è uscito nel 1967, l’ultimo con Morrison nel ‘71. Complessivamente hanno inciso sei album di studio e un live leggendario: ma il mito Morrison continua a rimanere intaccato.