Foto: Illumination Entertainment
Foto: Illumination Entertainment

È peloso, verde, brontolone e odia il Natale più di ogni altra cosa: stiamo parlando del protagonista del film d'animazione 'Il Grinch', prodotto da Illumination Entertainment ('Cattivissimo Me', 'Minions', 'Sing', 'Pets') e in uscita nelle sale cinematografiche italiane giovedì 29 novembre.

A proposito, hai visto che il papà dei Minions lavora al reboot di Shrek?

IL GRINCH, IL FILM D'ANIMAZIONE

'Il Grinch' è una commedia per famiglie che sfrutta una formula già rodata di Illumination, cioè un mix di siparietti divertenti e buoni sentimenti. È il terzo adattamento del romanzo per bambini scritto da Theodor Seuss Geisel e pubblicato nel 1957: in precedenza ci sono stati uno speciale natalizio di CBS (1966) e un film in live action del 2000, con Jim Carrey nel ruolo protagonista.

IL GRINCH, LA TRAMA
La storia è quella del Grinch, che vive in una grotta isolata e che mal sopporta gli abitanti del paese vicino, soprattutto quando l'arrivo del Natale li spinge a organizzare festeggiamenti luminosi e rumorosi. Di fronte allo spettro di celebrazioni fastose coma mai, il Grinch decide di correre ai ripari, travestendosi da Babbo Natale e rubando addobbi e doni. Inaspettatamente, il suo piano si incrocia con quello di una bambina, che intende parlare direttamente con Babbo Natale per chiedergli di esaudire un suo importante desiderio.

IL TRAILER IN ITALIANO


CHI C'È DIETRO IL GRINCH
Illumination Entertainment ha messo insieme una squadra che ha già dato prova di sé nel genere della commedia: la sceneggiatura è scritta da Michael LeSieur ('Le spie della porta accanto') e Tommy Swerdlow ('Cool Runnings - Quattro sottozero'), mentre alla regia troviamo Yarrow Cheney e Scott Mosier, che portano in dote l'esperienza maturata in occasione di 'Pets - Vita da animali' (diretto da Cheney) e la serie TV 'Clerks' (scritta e prodotta da Mosier).

IL PARERE DI CHI L'HA VISTO
'Il Grinch' è in tutto e per tutto un film di Natale, con la sua dose di buoni sentimenti e il rischio di sembrare zuccheroso: occorre insomma che i potenziali spettatori entrino in sala consci di ciò che li aspetta e anche del fatto che, pur essendo ben realizzato, non è un capolavoro dell'animazione, paragonabile ad esempio alle cose migliori di casa Pixar. Nel complesso, però, la formula di Illumination colpisce nel segno e regala un'oretta e mezza di divertimento e messaggi positivi.

Leggi anche:
- Pets 2, il film d'animazione con gli animali dal veterinario
- Dragon Trainer 3, il film d'animazione dove tornano i draghi
- Un principe per Natale, il film romantico di Netflix