A sinistra Elijah Hewson, 21 anni, leader della band Inhaler. Sopra: il padre, Bono Vox degli U2, 60 anni
A sinistra Elijah Hewson, 21 anni, leader della band Inhaler. Sopra: il padre, Bono Vox degli U2, 60 anni
di Barbara Berti Le colpe rock dei padri ricadono sui figli: l’ultimo ad aggiungersi alla lunga lista è Eli Hewson, il 21enne terzo figlio del cantante degli U2, Bono Vox. Elijah Bob Patricius Guggi Q, questo il nome all’anagrafe, somiglia al padre sia nel fisico sia nell’attitudine da rockstar. Ma cammina con le proprie gambe, anzi con la propria band, gli Inhaler – ironia della sorte si sono formati a scuola come gli U2 – dove insieme al figlio d’arte che è il leader e cantante, ci sono Robert Keating (basso), Ryan McMahon (batteria) e Josh Jenkinson...

di Barbara Berti

Le colpe rock dei padri ricadono sui figli: l’ultimo ad aggiungersi alla lunga lista è Eli Hewson, il 21enne terzo figlio del cantante degli U2, Bono Vox. Elijah Bob Patricius Guggi Q, questo il nome all’anagrafe, somiglia al padre sia nel fisico sia nell’attitudine da rockstar. Ma cammina con le proprie gambe, anzi con la propria band, gli Inhaler – ironia della sorte si sono formati a scuola come gli U2 – dove insieme al figlio d’arte che è il leader e cantante, ci sono Robert Keating (basso), Ryan McMahon (batteria) e Josh Jenkinson (chitarra). I geni paterni di Eli Hewson sono evidenti nel nuovo singolo, Cheer Up Baby, definito "una lettera d’amore a tutti i nostri fan che si sentono isolati". La canzone farà parte del loro album d’esordio, It Won’t Always Be Like This, che uscirà il 16 luglio per la multinazionale Universal.

I critici puntano molto su questa band, però non sempre i figli rock hanno grandi fortune, schiacciati dalla fama del genitore. È il caso di Jakob Luke Dylan, figlio di Bob, che negli anni ’90 si fece conoscere come cantante – bellissimo – della band The Wallflowers, per poi intraprendere una carriera solista in sordina. Va un po’ meglio ai fratellastri Julian e Sean Lennon, figli di John Lennon (il primo avuto dalla moglie Cynthia Powell, il secondo da moglie Yoko Ono): entrambi cantautori e polistrumentisti hanno pubblicato alcuni album e fatto collaborazioni, sono attivissimi, ma restano comunque nell’ombra dell’ex Beatles.

Attrice e modella, Paris Jackson ultimamente sta tentando di seguire le orme del padre, Michael Jackson, con l’album, Wilted. Anche la giovane e bella Frances Bean Cobain, unica figlia del frontman dei Nirvana Kurt Cobain e di Courtney Love, tenta di sfondare con la musica ma al momento è più nota come modella. Stesso discorso per Lourdes Maria Ciccone, figlia di Madonna. Cantautori due dei sei figli di Sting, Eliot e Joe (gli altri 4 lavorano nel cinema), cantautrice la figlia di Annie Lennox, Lola, e musicisti i figli dei Genesis, pure se al momento sempre legati ai papà: Melanie, la figlia di Gabriel, fa la corista nella esibizioni di Peter; Nicholas penultimogenito di Phil Collins dovrebbe suonare la batteria nel prossimo tour della band riunita (il figlio più grande Simon Collins è invece un batterista affermato e “autonomo“).

Chi è andato ben oltre il mito del padre è Jeff Buckley, figlio di Tim, uno dei più geniali e innovativi cantanti dell’intera storia del rock. Jeff, morto nel ’97 a soli 31 anni, ha incantato e continua a incantare il pubblico con il suo unico capolavoro, Grace. Potrebbe (forse) superare mamma e papà la piccola Blue Ivy, figlia della superstar Beyoncé e del rapper Jay-Z: la bambina di nove anni ha appena vinto il suo primo Grammy, grazie al video della mamma in cui ha però già un ruolo da vera protagonista.