Compositore, pianista, direttore d’orchestra, affamato di musica come lo era della vita: Ezio Bosso è scomparso troppo presto. Applaudito all’ultima Mostra di Venezia, dove è stato presentato in anteprima fuori concorso, arriva ora da oggi a mercoleedì in sala con Nexo Digital Ezio Bosso - Le cose che restano, documentario musicale commovente e appassionato, con la sua musica. "È stata una sfida difficile, dal punto di vista tecnico ma soprattutto emotivo – ha spiegato il regista Giorgio Verdelli – È stato fatto un lavoro da detective per scovare le centinaia di tracce lasciate da Bosso, un artista che ha fatto cose diverse, prima e durante la malattia, un artista che ha vissuto tante vite".