"Un film storico che è anche un thriller": con queste parole il regista e sceneggiatore Gianluca Jodice descrive 'Il cattivo poeta', che esce nelle sale cinematografiche italiane giovedì 20 maggio. Racconta la storia degli ultimi mesi di vita di Gabriele d'Annunzio (interpretato da Sergio Castellitto) e del suo "dissidio" con il regime fascista. La critica italiana ha scritto recensioni complessivamente positive, pur senza entusiasmi.
 

Il cattivo poeta, tutto sul film

La trama si svolge nel 1936, quando al giovane Giovanni Comini, nominato federale per intervento di Achille Starace, viene affidato un compito delicato: dovrà recarsi al Vittoriale e spiare d'Annunzio. Il poeta è infatti contrario all'alleanza fra Mussolini e Hitler e il regime fascista teme che possa sfruttare la sua immensa popolarità per minare il consenso attorno al Duce. L'incontro con il Vate rappresenta per Comini un terremoto spirituale, che lo farà sentire diviso tra la fedeltà al partito e la fascinazione per l'artista.

'Il cattivo poeta' rappresenta l'esordio di finzione per Gianluca Jodice, napoletano classe 1973, precedentemente misuratosi con il genere del documentario (ad esempio 'Cercando La grande bellezza', sul film di Paolo Sorrentino). Di fronte a un'occasione così importante, Jodice ha guardato ad alcuni modelli eccellenti: "Naturalmente, ho pensato a molti film... cercando di non pensare mai a 'Il conformista'. Un film troppo fatato, troppo importante, troppo inavvicinabile. Vicino soltanto per l'epoca che racconta e per la scelta di raccontare il regime dall'interno (cosa di cui si sono fatti carico pochissimi film italiani fino ad oggi). Se devo pensare a dei riferimenti più recenti, penso sicuramente al Sokurov della trilogia del potere ('Moloch', 'Taurus', 'Sun'), su tre grandi potenti del Novecento: Hitler, Lenin, Hiroito. Alla sua regia evocativa, al suo tocco intimo e indiscreto nell'affrontare la grande Storia".

Due parole sul cast: come già accennato Gabriele d'Annunzio è interpretato da Sergio Castellitto ('Non ti muovere', 'Ricette d'amore'), mentre il federale Giovanni Comini da Francesco Patanè, al suo secondo lavoro dopo il film per la televisione 'Aldo Moro il professore'. Achille Starace ha il volto di Fausto Russo Alesi ('Il traditore') e le due donne della corte del Vate quelli di Elena Bucci ('Chiamami col tuo nome') e Clotilde Courau ('La vie en rose').
 




Il trailer

 

 

Le recensioni, cosa ne pensa la critica

In media la critica italiana ha parlato bene dell'esordio di Gianluca Jodice, lodandone la capacità di raccontare in maniera efficace il contrasto insanabile tra potere e libertà di pensiero. Sono stati spesi complimenti anche per Sergio Castellitto, che ha gestito con attenzione e sobrietà un personaggio a rischio di diventare macchiettistico.

Leggi anche:
- 'The Father', esce al cinema il film vincitore di 2 Oscar
- 'Un altro giro', esce al cinema il film vincitore dell'Oscar
- 'Hotel Transylvania: uno scambio mostruoso', il trailer del film