di Cesare Paroli

La regina indiscussa dell’Eicma 2021, chiusa domenica scorsa con un successo aldilà di ogni aspettativa, nonostante l’assenza di alcune Case importanti, è stata certamente Honda con le sue "settebellezze". A cominciare dalla sportivissima CBR1000RR-R (offerta anche nella versione SP) che con 217 cv a 14.500 giri è parente prossima di una superbike da pista. Ma, oltre che su circuito, il razzo made in Japan si guida bene anche su strada grazie a una coppia di 112 Nm a 12.500 giri, alle sospensioni regolabili Showa (sulla SP forcella e monoammortizzatore sono a gestione elettronica). A ciò si aggiungono la piattaforma inerziale a 6 assi, tre riding mode, Abs, controllo di trazione di tipo cornering, launch control, antimpennamento, gestione del freno motore e della potenza.

Sulla versione SP ci sono anche il quickshift e le pinze freno Brembo per rendere la guida sportiva più facile e confortevole anche ai meno esperti. E che dire della ’evergreen’ Gold Wing, l’ammiraglia di tipo cruiser, qui nella versione F6B, riconoscibile per la mancanza del baule centrale e per il taglio basso della coda. Classico motore boxer a 6 cilindri da 1.833 cc che sviluppa una potenza di 126 cv e una coppia mostruosa di 170 Nm. In più ci sono cruise control, controllo di trazione, assist per le partenza in salita e navigatore satellitare con bussola giroscopica.

Altra bellezza sono le mediopiccole, con motore bicilindrico di 471 cc e 48 cv di potenza, in tre declinazioni: si va dalla CB500X (di tipo crossover), alla CB500F (naked di soli 189 kg), alla CBR500R (sportiva a tutto tondo). Prezzi, rispettivamente di 7.490, 6.790 e 7.490 euro. Honda, però, non è solo moto, ma anche scooter a ruote alte di cui il costruttore giapponese è stato un precursore.

In particolare a Eicma abbiamo ammirato il nuovo SH350, rivisto soprattutto nel design con inedite colorazioni. Motore di 329,2 cc con 29 cv, consumo medio di 30 kmlitro, peso di 174 kg e sella a 80,5 cm. Di serie gruppi ottici full led, presa Usb e chiave smart Key. Costa 5.940 euro. Fratellino minore il Super Cub 125, che torna in listino con una rivisitazione dell’illustre antenata degli anni 60. Motore mono di 124 cc, potenza di 9,4 cv, peso di 110 kg, omologato euro 5 (3.940 euro). Con lui si ripresenta alla ribalta il ’mitico’ Monkey 125, un evergreen con lo stesso motore del Super Cub, un peso di soli 104 kg, grossi pneumatici montati su ruote da 12" e sella a quota 77,5 cm.