Si è appena conclusa la prima edizione della ’Vivaldi Flute Week’, il festival flautistico organizzato dal Conservatorio ’A. Vivaldi’ di Alessandria. Una kermesse di respiro internazionale – realizzata grazie al network Erasmus+ in collaborazione con le Fondazioni Cassa di Risparmio di Alessandria e CRT; con il contributo di Adagio Musica Italia, Schott Music GmbH & Co, Alexala (Agenzia di Accoglienza e Promozione Turistica Locale della provincia di Alessandria), Radio Gold e Radio Marconi; e infine patrocinata dal Consolato Generale di Francia a Milano, dal Consolato della Confederazione Svizzera di Milano e dall’Ufficio Culturale dell’Ambasciata di Spagna – che ha visto la partecipazione di tantissimi studenti, molti dei quali provenienti da altre regioni, e di quattro ospiti d’eccezione: Peter-Lukas Graf, Jean Louis Beamaudier, Tom Ottar Andreassen e Vicens Prats.

La rassegna ha raggiunto lo zenit con la performance del maestro Graf, che si è conclusa con un grande tributo collettivo. Sotto la sua direzione, artisti e allievi, coadiuvati dai docenti Elena Giri e Stefano Parrino, si sono esibiti insieme suonando un breve estratto dall’ouverture della Carmen di George Bizet. Un esempio lampante, stando alle intenzioni degli organizzatori, della tanto auspicata creazione di sinergie professionali tra docenti e discenti. Ma si spera anche di aver posto le basi di quello che, per il Conservatorio, potrebbe diventare un importante punto di incontro tra l’attività formativa e di produzione.

"Un momento davvero unico quello che abbiamo vissuto nel concerto finale del VFW – sottolinea il presidente del ’Vivaldi’ Renato Balduzzi – e che grazie alle tecnologie attuali potrà essere fruito, al pari dell’intera settimana, anche on line. Assai lusinghiera la partecipazione del pubblico e delle autorità locali, a conferma che la musica di alto livello mobilita e che il nostro Conservatorio è in grado di offrire alla città e al territorio eventi di portata internazionale". Un successo, insomma, per la Vivaldi Flute Week, che ha avuto il merito di convogliare interesse attorno al flauto e, allo stesso tempo, intende promuovere esperienze formative altamente professionalizzanti per gli studenti. E già si pensa all’edizione del prossimo anno. L’obiettivo è coinvolgere altri attori della provincia alessandrina, ma anche trovare nuovi spazi per i futuri eventi in programma. "L’esperienza della VFW – ribadisce il direttore del Festival Giovanni Gioanola – ha dimostrato la possibilità di portare in Conservatorio personalità di grande rilievo sul piano strumentale e artistico di tutta Europa. Ringrazio per questo successo i docenti di Flauto del Conservatorio ’Vivaldi’, Elena Giri e Stefano Parrino, e tutti coloro che, negli uffici e dietro le quinte, hanno collaborato con pazienza e passione alla riuscita di questa straordinaria iniziativa". Tutti i filmati della Vivaldi Flute Week saranno disponibili online. Per riguardarli basta andare sui canali social del Conservatorio Vivaldi collegarsi sui siti www.conservatoriovivaldi.it e www.vivaldifluteweek.it

Giuseppe Di Matteo