12 apr 2022

Instagram taglia i compensi e gli influencer scappano

Il social network avrebbe ridotto i pagamenti anche del 70% scatenando le ire dei creator che guardano sempre più spesso alle altre piattaforme di condivisione

L'icona dell'app di Instagram su smartphone
L'icona dell'app di Instagram su smartphone

Un’inchiesta del Financial Times ha svelato che il programma Reels Play Bonus di Meta, lanciato a luglio 2021 per gestire i pagamenti dei creator, in realtà è molto meno “generoso” rispetto a quanto promesso. Gli influencer non ci stanno e ora la fuga verso gli altri social – TikTok su tutti – si fa sempre più veloce.

Meno guadagni per i creator di Instagram

Una riduzione dei compensi fino al 70% nelle ultime settimane. Il dato svelato dal quotidiano britannico è emblematico di come sia complicato, soprattutto negli ultimi tempi, il rapporto tra Instagram e i suoi influencer.
Meta, racconta il Financial Times, avrebbe anche alzato la soglia di visualizzazioni minime che serve per arrivare ai bonus. Un creator che solo pochi mesi fa guadagnava 35.000 dollari per una clip con 58 milioni di visualizzazioni ora – per ottenere la stessa cifra – deve arrivare a 359 milioni di views, un dato decisamente più alto.

La fuga da Instagram

L’azienda di Zuckerberg ha replicato alle domande del FT tramite un suo portavoce che ha spiegato che la società sta semplicemente facendo dei test sul programma Reels Play su Instagram e Facebook e i pagamenti potrebbero avere dei ritardi.
Questo ulteriore problema relativo ai tempi di pagamento potrebbe accelerare la fuga dei creator verso altri social network, iniziata ormai qualche anno fa e sempre più decisa in questi ultimi mesi. Instagram, dopo i problemi legati agli effetti dannosi sugli adolescenti e il calo degli utenti, deve anche fare i conti con i compensi dei suoi influencer.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?