La missione dello gnomo astronauta partirà a metà novembre
La missione dello gnomo astronauta partirà a metà novembre

A metà novembre lo gnomo da giardino Chompski, una piccola celebrità nel mondo dei videogame, sarà spedito nello spazio a bordo di un razzo neozelandese per una missione a scopo benefico. A mandarlo in orbita sarà suo "papà" Gabe Newell, cofondatore e presidente di Valve, azienda che sviluppa giochi e gestisce Steam, la principale piattaforma di distribuzione digitale di titoli per PC.

Per il magnate – Newell ha un patrimonio stimato intorno ai quattro miliardi di dollari – si tratta di un modo per ringraziare la Nuova Zelanda, dove si è trasferito a marzo trovando ospitalità quando è esplosa la pandemia di Coronavirus. Chompski decollerà a bordo di un razzo della compagnia aerospaziale Rocket Lab insieme ad alcuni satelliti, e per ogni singolo utente che seguirà la diretta del lancio, o la sua registrazione nelle 24 ore seguenti, Newell donerà un dollaro all'unità di terapia intensiva di un ospedale pediatrico.
 


Come è diventato famoso il nano da giardino

Nel 2007 lo gnomo fa la sua comparsa in 'Half-Life 2: Episode Two', creato da Valve. Era un semplice oggetto che si incontrava all'inizio del gioco, privo di funzioni particolari, che i giocatori potevano tranquillamente ignorare. Tuttavia, chi si impegnava nell'impresa di portarselo dietro per ore fino alla conclusione del gioco, collocandolo infine a bordo di un razzo in partenza, veniva premiato con l'obiettivo "Little Rocket Man". Diventato protagonista di numerosi video che lo hanno reso popolare, Chompski ha poi fatto diversi cameo anche in altri titoli di Valve, da 'Left 4 Dead 2' all'ultimo uscito, 'Half-Life: Alyx'.
 

Chompski nello spazio

La sua versione "astronauta" è un modellino in titanio alto quindici centimetri realizzato nei laboratori di Weta Workshop, la compagnia neozelandese di effetti speciali che in curriculum ha cosucce come la trilogia del 'Signore degli Anelli' e 'Avatar'. Al di là della trovata a effetto, Chomsky servirà a Weta e a Rocket Lab per sperimentare una nuova tecnologia di stampa 3D che in futuro potrebbe essere impiegata per realizzare componenti di veicoli spaziali. Il giorno della partenza dello gnomo non è ancora stato fissato: la finestra di due settimane per il lancio inizierà il 16 novembre. È certo però che per Chompski sarà la prima e ultima avventura spaziale. Quando il razzo avrà sganciato in orbita tutti i satelliti, il modulo in cui viaggerà lo gnomo tornerà verso la Terra bruciando al rientro nell'atmosfera.