Giovedì 25 Luglio 2024

Gli Usa restituiscono Schiele rubato dai nazisti

Ieri sono state restituite agli eredi di un collezionista ebreo morto a Dachau 7 opere del pittore austriaco Egon Schiele. Una cerimonia tenutasi nell'ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan ha sancito il ritorno delle opere, valutate tra 780.000 e 2,75 milioni di dollari.

Gli Usa restituiscono Schiele rubato dai nazisti

Gli Usa restituiscono Schiele rubato dai nazisti

Sette opere del pittore austriaco Egon Schiele (1890 - 1918) sono state restituite ieri agli eredi di un collezionista ebreo morto nel campo di concentramento di Dachau. Lo ha annunciato il dipartimento della Giustizia Usa in una nota citata dal New York Times. Le opere del maestro dell’espressionismo austriaco, compreso un autoritratto, sono state restituite agli eredi di Fritz Grünbaum, star del cabaret e appassionato d’arte, durante una cerimonia che si è tenuta nell’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan.

Valutate tra 780.000 e 2,75 milioni di dollari ciascuna, le opere erano conservate presso il Museum of Modern Art e nella Morgan Library & Museum di New York, nel Santa Barbara Museum of Art in California e da due collezionisti privati, Serge Sabarsky e Ronald S. Lauder, presidente del World Jewish Congress. Grünbaum, noto comico e cantautore austriaco, negli anni precedenti lo scoppio della seconda guerra mondiale aveva raccolto quasi 450 opere. Nella sua collezione, che consisteva principalmente di opere del fiorente movimento modernista austriaco prebellico, c’erano 81 opere di Schiele. Arrestato dai nazisti a Vienna, nel maggio 1938, l’artista morì nel campo di concentramento di Dachau nel gennaio 1941. "Oggi è una giornata storica e innovativa", ha dichiarato ieri il procuratore distrettuale di Manhattan Alvin L. Bragg durante la conferenza stampa, che ha sottolineato essere avvenuta prima dello Yom Kippur, una delle più importanti festività ebraiche. Il MoMa ha restituito l’opera Prostitute (1912), acquerello e matita su carta, e l’opera Ragazza che si mette la scarpa (1910), acquerello e carboncino su carta.