16 gen 2022

"Gli anni Ottanta? Fu vera Gloria. Talent spietati, la musica è altro"

Umberto Tozzi e Raf e si raccontano in attesa di riprendere il tour "Due - La nostra storia", interrotto dal Covid "Prima le canzoni vivevano di idee, oggi molto meno. Non c’è più la spontaneità di allora"

andrea spinelli
Magazine
featured image
Raf e Umberto Tozzi

Cosa resta degli anni Ottanta? Innanzitutto, la musica. Umberto Tozzi e Raf se ne dicono convinti nell’attesa di riprendere il tour "Due - La nostra storia" interrotto a dicembre dal Covid. "La canzone allora viveva di idee, oggi meno". Umberto, ha mai ringraziato il discografico Alfredo Cerruti per aver detto un giorno al suo mentore Giancarlo Bigazzi: perché utilizzi questo ragazzo solo come autore e non gli fai cantare le canzoni che scrive? Tozzi: "Ogni volta che rivango il mio passato cito Alfredo, inserendolo tra i più grandi talenti del mondo del disco nell’intuire le potenzialità delle canzoni che gli passavano sottomano. Da chitarrista timido, infatti, l’ultima cosa che mi interessava di fare nella vita era cantare. Penso sia stato un direttore artistico di competenza straordinaria, come non se ne trovano più nella musica… e si sente". Il testo di Superstar, un suo pezzo del 2009, diceva: "Se mi ascolto non riesco più a rifare Tu, Ti amo, Gloria né Si può dare di più". Perché? Tozzi: "Semplice presa d’atto che non so più scrivere pezzi di quel tipo. Li considero, infatti, perle nate in un momento straordinario. Sono cambiati i tempi e la testa oggi è rivolta altrove; non c’è più quella spontaneità, ma dopo tutto questo tempo penso sia fisiologico". Nelle interviste, ha mai rimpianto di non aver fermato le parole un attimo prima... Tozzi: "Una volta, scherzando, dissi che mi sarebbe piaciuto nascere a Liverpool per diventare il quinto Beatle e quella battuta ancora mi perseguita. Neanche avessi detto che mi sarebbe piaciuto nascere a Pietralcina, come Padre Pio…". Esperienze straordinarie? Tozzi: "Tante. A cominciare dall’incontro con Bigazzi o con Greg Mathieson, arrangiatore di Gloria e tante altre". Raf: "Quando suonai con i Cafè Caracas in piazza Maggiore a Bologna prima dei Clash. Era il 1° giugno ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?