Per molti trovare gli stati sulla mappa del mondo è un'impresa
Per molti trovare gli stati sulla mappa del mondo è un'impresa

Passi per l'Uzbekistan o per l'Angola, ma che una persona non sappia indicare il Canada, la Francia o l'Australia (un continente intero!) sul planisfero è piuttosto sorprendente. Ma a quanto pare non bisogna dare per scontate nemmeno le nozioni geografiche di base. Le ha messe alla prova il sito TheKnowledgeAcademy.com, che ha chiesto a un campione di 6550 persone di varia origine di identificare venti paesi su una mappa interattiva.

Oltretutto si partiva già con una semplificazione: nazioni come il Suriname, il Brunei o Vanuatu metterebbero in difficoltà chiunque, ma per la ricerca erano state prese in considerazione solo quelle con più di venticinque milioni di abitanti. A ogni partecipante è stata quindi sottoposta una selezione di venti di questi paesi a caso, e dalla media dalle loro perfomance è nata la classifica dell'ignoranza geografica. I risultati sono stati pubblicati sul Daily Mail.

La nazione più ostica si è rivelata l'Indonesia, che l'83% non ha idea di dove si trovi, pur trattandosi di una destinazione turistica molto battuta (basti pensare anche solo all'isola Bali), nonché del quarto paese al mondo per numero di abitanti. A seguire, grossa crisi anche di fronte a Vietnam, mancato dall'81% dei partecipanti; Bangladesh, 78%; Ucraina, 73%; e Perù, 69%. Fra quelli apparentemente più facili, il Giappone non è stato individuato dal 62% delle persone, il Canada dal 53%, l'Australia dal 46%, la Francia dal 33% e la Germania dal 29%.

A contorno del test, TheKnowledgeAcademy ha domandato ai partecipanti se avessero studiato gli stati del mondo a scuola: il 32% ha confermato di sì, il 16% ha detto di non ricordarsi, il 52% ha detto di no. O hanno mentito come giustificazione per le loro lacune, oppure sta proprio qui il problema di fondo.