"A breve inizieranno le riprese del film Sull’orlo dell’oblio di Carlo Fusco dove reciterò assieme a Nicolas Cage, Eric Roberts e John Malkovich. I cliché che un attore gay smetta di lavorare non hanno più motivo di esistere". Lo afferma Gabriel Garko: "Sono giorni che lavoro incessantemente, il mio papà non sta molto bene e il mio nome riempie le pagine dei giornali. Sono sereno, ma non è facile sopportare questa gogna mediatica". La gogna riguarda sia l’Ares-Gate, lo scandalo sulla presunta setta che ruota attorno al produttore Tarallo, e le intercettazioni con Ana Bettz in cui la donna, , arrestata con l’accusa di aver riciclato denaro, fa il suo nome.