Foto: HBO
Foto: HBO
Ancora non sappiamo quando HBO metterà in onda la serie TV prequel di 'Game of Thrones' ('Il Trono di Spade'), però sappiamo che le riprese sono in corso, con location in Irlanda del Nord, e dunque non dovremo attendere anni prima di vederla. Possiamo anche fornire alcune anticipazioni sulla trama, grazie a un'intervista che George R. R. Martin, cioè il creatore delle 'Cronache del ghiaccio e del fuoco', ha rilasciato al magazine statunitense Entertainment Weekly. Una prima rivelazione è che ci saranno gli Stark, i Metalupi e anche i mammut.

Ovviamente, gli Stark non saranno quelli noti, perché la trama è ambientata circa cinquemila anni prima degli eventi narrati nel 'Trono di Spade': però la famiglia ci sarà e, anzi, scopriremo cosa lega questa casata ai Primi Uomini, cioè coloro che per primi iniziarono a vivere nel continente di Westeros. Non saranno tutte rose e fiori, per gli Stark, perché nella serie TV prequel ci saranno pure gli Estranei e probabilmente assisteremo alla discesa della prima, lunga stagione invernale.

Un'altra delle grandi famiglie di 'Game of Thrones', cioè il Lannister, non sarà invece della partita. Però i loro "antenati" ci saranno: parliamo della casata dei Casterlys, coloro che abitano all'interno di Castlery Rock, futura roccaforte dei Lannister.

La presenza di un numero minore di casate non deve ingannare: la serie prequel resta una vicenda corale, esattamente come quella che ci ha accompagnato per gli ultimi anni. Nonostante la presenza di una star del calibro di Naomi Watts, due volte candidata all'Oscar (per '21 grammi - Il peso dell'anima' e 'The Impossible'), Mertin dice che esita "a utilizzare il termine attrice/attore protagonista. Come sapete, nel caso del 'Trono di Spade' non abbiamo mai candidato nessuno per il ruolo di protagonista durante la stagione dei premi, ad eccezione delle edizioni più recenti. Abbiamo sempre avuto dei non protagonisti perché lo show è una vicenda corale: così sarà anche per il prequel".

Ultimo dettaglio sul titolo: ancora ne manca uno ufficiale e finora l'ipotesi più accreditata è che possa essere 'The Long Night'. Martin rivela che sta però guadagnando quota la variante 'The Longest Night': non dunque la lunga notte, bensì la notte più lunga.

Leggi anche:
- Aziz Ansari: Right Now, lo speciale comico di Netflix
- Mulan: trailer e data di uscita del film in live action
- Il grande Lebowski: lo spin-off di John Turturro esce nel 2020