Foto: DC Comics
Foto: DC Comics

Piccola (o grande?) rivoluzione all'interno del mondo dei supereroi a fumetti: Tim Drake, cioè il terzo ragazzo a vestire i panni di Robin, ha realizzato di essere bisessuale nel più recente album a fumetti pubblicato negli Stati Uniti. Si tratta del sesto volume di 'Batman: Urban Legends'. L'ultima tavola del fumetto lo vede suonare alla porta dell'amico Bernard Dowd e chiedergli un appuntamento: bisognerà attendere il prossimo numero, in uscita a dicembre, per sapere cosa succede. In ogni caso, sin dalla sua prima comparsa, avvenuta nel 1989, Tim Drake era stato raccontato come eterosessuale. E sin da quando è esistito il personaggio di Robin, cioè dal 1940, l'eterosessualità era stato un tratto acquisito: siamo dunque di fronte a un grosso cambiamento per il personaggio.
 

Robin, la bisessualità del personaggio a fumetti

La sceneggiatrice del fumetto, Meghan Fitzman, ha dichiarato al magazine Polygon che non sta deliberatamente etichettando i sentimenti del personaggio. O almeno non lo sta ancora facendo: "Volevo sottolineare che la sessualità è un viaggio. Per essere chiara, i sentimenti di Tim per Stephanie sono stati e sono reali, al cento per cento. E allo stesso modo lo sono quelli per Bernard. Tim sta ancora cercando di capire chi è e non penso che abbia le parole per descriversi... non ancora".

Eccoci così di fronte alle tavole in cui Tim/Robin ha una rivelazione: un evento preparato sin dal quarto numero di 'Batman: Urban Legends', quando era stato reintrodotto il personaggio di Bernard Dowd, cioè l'amico di Tim che aveva realizzato la propria bisessualità proprio interagendo con lui. Mentre i due ragazzi combattono contro alcuni avversari, possiamo leggere cosa sta pensando Robin e in questo modo scopriamo che ha avuto un'illuminazione: "La gente continuava a chiedermi cosa voglio, ma non riuscivo a capirlo. Qualunque cosa fosse, sembrava sempre fuori portata. Finora. Esattamente fino a questo momento". Successivamente, eccolo suonare alla porta di Bernard e dirgli: "Ho continuato a pensare alla notte scorsa e non so cosa significa per me. Però vorrei scoprirlo". Bernard gli risponde: "Speravo lo volessi. Tim Drake... vuoi uscire con me per un appuntamento?". E Tim risponde: "Sì... sì. Penso di volerlo".