Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
27 gen 2022

Fughe e rivolte, le Amiche geniali crescono

Nel vortice degli anni Settanta, fra contestazione studentesca e lotte femministe: Daniele Luchetti dirige i nuovi episodi della serie

27 gen 2022
beatrice bertuccioli
Magazine
featured image
Le Amiche geniali
featured image
Le Amiche geniali

Roma, 27 genaio 2022 - Lila e Lenù sono diventate donne e le loro vite prendono due strade diverse, nell’Italia degli anni Settanta segnati dalla contestazione studentesca e dalle lotte femministe. Lenù, ovvero Elena Greco, pubblica il suo primo romanzo, si sposa, diventa mamma, mentre Lila, naufragato in fretta il suo matrimonio, è costretta a un duro lavoro in fabbrica per sbarcare il lunario e crescere il suo bambino. Una delle serie più amate e seguite, venduta in 130 Paesi, dagli Stati Uniti alla Cina dove l’hanno omaggiata perfino con una mostra, torna con il terzo capitolo della quadrilogia: L’amica geniale – Storia di chi fugge e di chi resta, quattro serate in onda su Raiuno, a partire da domenica 6 febbraio. Tratta dall’omonimo romanzo di Elena Ferrante, con Margherita Mazzucco e Gaia Girace protagoniste nei ruoli di Lenù e Lilla, si avvale questa volta della regia di Daniele Luchetti che subentra a Saverio Costanzo, e aggiunge all’ambientazione napoletana, riprese a Milano, Firenze, Torino. "Il passaggio di testimone è sempre accompagnato da una domanda, riuscirò a metterci qualcosa di mio? Io ho fatto una scelta estremamente semplice – spiega Luchetti – quella di seguire i personaggi e di metterli in condizione di vivere le scene emotivamente per la prima volta davanti alla macchina da presa". A guidarlo, racconta, la sceneggiatura. "Una sceneggiatura straordinaria – sottolinea ancora il regista – scritta da Laura Paolucci, Francesco Piccolo, Saverio Costanzo e dalla stessa Ferrante". Senza trucchi per apparire invecchiate, Gaia Girace e Margherita Mazzucco, 18 e 19 anni, sono ancora, e in modo convincente, Lila e Lenù. "Semplicemente con il talento e la recitazione diventano più mature. Loro iniziano come delle ragazze e finiscono come delle giovani madri e questo è perfettamente credibile – osserva Luchetti – perché negli anni Settanta le nostre madri ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?