Magazine

Le case spesso sono ancora in piedi, a volte anche le scuole, ma tutto è diroccato. Le strade sono spaccate dal sole, i mezzi di trasporto fermi e arrugginiti e il verde ha preso il sopravvento. E' l'identikit di tante delle città fantasma sparse in giro per il mondo, dove il tempo si è fermato e gli abitanti sembrano aver lasciato le loro occupazioni all'improvviso. Spesso ci sono ancora tavoli apparecchiati, panni stesi e attrezzi da giardino in giro. L'espressione è stata utilizzata per la prima volta dal giornalista svedese Jan-Olof Bengtsson, durante una visita alla città abbandonata di Famagosta, a Cipro. A trasformare una normale cittadina in una ghost town possono essere eventi naturali (eruzioni, alluvioni), guerre e catastrofi provocate dall'uomo.

Ecco una panoramica di città fantasma in tutto il mondo, abbandonate ma non scomparse. Le case spesso sono ancora in piedi, a volte anche le scuole, ma tutto è diroccato. Le strade sono spaccate dal sole, i mezzi di trasporto fermi e arrugginiti e il verde ha preso il sopravvento. 

di PAOLA BENEDETTA MANCA 

Sport Tech Benessere Moda Magazine