Una scena del film 'Odio l'estate' - Foto: PaoloGalletta/Medusa
Una scena del film 'Odio l'estate' - Foto: PaoloGalletta/Medusa

Ecco i film, con annessi trailer, che escono nelle sale cinematografiche italiane durante il weekend del 31 gennaio - 2 febbraio 2020. A seguire ci sono anche le uscite del 23 gennaio, mentre devi cliccare qui se ti interessa ripassare quelle del 16 (si possono ancora vedere, per esempio, i candidati all'Oscar 'Jojo Rabbit' e 'Richard Jewell').


ODIO L'ESTATE (dal 30 gennaio)
Regia: Massimo Venier / Cast: Aldo Baglio, Giovanni Storti, Giacomo Poretti

In seguito a un errore, tre famiglie prenotano la medesima casa per le vacanze estive: la convivenza forzata inizia nel peggiore dei modi, a causa delle evidenti differenze fra i nuclei famigliari, ma porterà a inattese amicizie. 'Odio l'estate' è la commedia che segna il ritorno di forma per Aldo, Giovanni e Giacomo: la critica italiana l'ha salutata con recensioni positive.

Se vuoi saperne di più, leggi il nostro approfondimento.




JUDY (dal 30 gennaio)
Regia: Rupert Goold / Cast: Renée Zellweger, Jessie Buckley, Finn Wittrock

Nell'inverno del 1968 la star del cinema Judy Garland arriva a Londra per tenere una serie di concerti da tutto esaurito: è l'occasione per fare un bilancio della propria vita, delle soddisfazioni e delle cicatrici che ha lasciato. 'Judy' racconta una storia vera e ruota attorno alla presenza scenica di Renée Zellweger, che ha conquistato la nomination all'Oscar 2020: la critica l'ha elogiata, ma è rimasta meno convinta dalla regia.

Se vuoi saperne di più, leggi il nostro approfondimento.




DOLITTLE (dal 30 gennaio)
Regia: Stephen Gaghan / Cast: Robert Downey Jr., Harry Collett, Antonio Banderas

Quando la giovane regina d'Inghilterra si ammala, il dottor Dolittle accetta di partire all'avventurosa ricerca di una cura miracolosa: il fatto che sappia parlare con gli animali lo aiuta, i demoni del passato lo frenano. 'Dolittle' è un fantasy che intende rilanciare il franchise puntando sull'esotismo delle ambientazioni e sulla verve di Robert Downey Jr., ma che difetta di sostanza e fascino: per questo è stato recensito maluccio.

Se vuoi saperne di più, leggi il nostro approfondimento.




UNDERWATER (dal 30 gennaio)
Regia: William Eubank / Cast: Kristen Stewart, Vincent Cassel, Jessica Henwick

Grossi guai per una spedizione mineraria sul fondo della Fossa delle Marianne: un violento terremoto minaccia di fare collassare l'intera struttura, mentre creature mostruose danno la caccia agli umani che la abitano. 'Underwater' è un thriller/horror piuttosto derivativo, ma che, mettendo fra parentesi le somiglianze con film precedenti, ha una sua tenuta ed efficacia.

Se vuoi saperne di più, leggi il nostro approfondimento.




IL DIRITTO DI OPPORSI (dal 30 gennaio)
Regia: Destin Daniel Cretton / Cast: Michael B. Jordan, Brie Larson, Jamie Foxx

Alabama, anno 1989. Un brillante avvocato di colore decide di difendere un uomo ingiustamente condannato alla pena di morte e contestualmente si batte contro il razzismo e l'intolleranza della comunità bianca. 'Il diritto di opporsi' è un dramma che racconta una vicenda realmente accaduta, ma che lo fa in modo troppo compiaciuto e in questo modo diventa un po' retorico.




VILLETTA CON OSPITI (dal 30 gennaio)
Regia: Ivano De Matteo / Cast: Marco Giallini, Michela Cescon, Massimiliano Gallo

Siamo in una cittadina del nordest italiano, dove una ricca famiglia borghese presenta al mondo una facciata perbene, quando invece nasconde meschinità e violenza: altrettanto dicasi per le istituzioni religiose e sociali che la circondano. 'Villetta con ospiti' intende mettere in campo uno sguardo ironico e satirico, ma riducendo i propri protagonisti a macchiette stempera molto il racconto.




FIGLI (dal 23 gennaio)
Regia: Giuseppe Bonito / Cast: Paola Cortellesi, Valerio Mastandrea, Stefano Fresi

La nascita del secondo figlio mette in crisi una giovane coppia, costretta ad arrabattarsi tra le difficoltà economiche, l'assenza di sostegno da parte delle istituzioni e la scarsa presenza di nonni e amici. 'Figli' è l'ultima sceneggiatura scritta da Mattia Torre prima di morire a soli 47 anni e fotografa con toni agrodolci la condizione di molti italiani oggi. La critica nostrana ne sta parlando bene.

Se vuoi saperne di più, leggi il nostro approfondimento.




1917 (dal 23 gennaio)
Regia: Sam Mendes / Cast: George MacKay, Dean-Charles Chapman, Mark Strong

Prima guerra mondiale, fronte francese. A due soldati inglesi viene affidata una missione quasi impossibile: attraversare le linee nemiche per avvertire 1600 commilitoni che stanno cadendo in una trappola. '1917' è un film drammatico che ha fatto molto parlare di sé perché girato come un finto pianosequenza e perché ha conquistato dieci nomination agli Oscar 2020. Le recensioni della critica internazionale sono molto positive, anche se c'è chi ha detto che '1917' si esaurisce nelle sue qualità tecniche, che sono però eccezionali.




TAPPO - CUCCIOLO IN UN MARE DI GUAI (dal 23 gennaio)
Regia: Kevin Johnson

Viziatissimo e abituato a vivere nel lusso più sfrenato, il cagnolino Tappo è costretto ad affrontare una vita normale, dove il denaro è decisamente meno presente e la strada riserva insidie: riuscirà a cavarsela? 'Tappo - Cucciolo in un mare di guai' è un film d'animazione simpatico, non particolarmente ricco dal punto di vista narrativo, ma capace di regalare un po' di spensieratezza e una morale positiva agli spettatori più piccoli.




JUST CHARLIE - DIVENTA CHI SEI (dal 23 gennaio)
Regia: Rebekah Fortune / Cast: Harry Gilby, Scot Williams, Patricia Potter

Il giovane Charlie è un promettente giocatore di calcio, ma è anche una ragazza intrappolata nel corpo di un ragazzo: la sua transessualità le aliena l'affetto del padre, la solidarietà dei compagni di squadra e mette in dubbio la possibilità di continuare a giocare al pallone. 'Just Charlie - Diventa chi sei' è un film drammatico inglese che giunge in Italia a distanza di quasi tre anni dall'uscita in patria e che pecca del fatto di essere un film a tesi, impegnato a veicolare le proprie intenzioni ideologiche più che a confezionare un discorso narrativo ed estetico che le sorregga.




Leggi anche:
- '1917' vince la PGA e ipoteca gli Oscar 2020
- Oscar 2020, l'analisi: nomination, snobbati, flop e polemiche
- Oscar 2020, le migliori reazioni alle nomination