Foto: Carlos Somonte/Esperanto Filmoj/Participant Media
Foto: Carlos Somonte/Esperanto Filmoj/Participant Media

Da quanto è stato presentato al Festival di Venezia 2018, dove ha conquistato il Leone d'Oro, 'Roma' di Alfonso Cuaron è uno dei film più chiacchierati di questa stagione cinematografica e molti ipotizzano che possa fare incetta di candidature agli Oscar 2019. Netflix, che ha partecipato alla produzione, lo pubblicherà sulla propria piattaforma il 14 dicembre, ma già ora è possibile approfittare della distribuzione nelle sale cinematografiche, una rivoluzione per il colosso dello streaming.

Per approfondire: Rivoluzione Netflix: i film da Oscar prima in sala, poi in streaming

ROMA, IL FILM DI ALFONSO CUARON
Il titolo si riferisce a un quartiere alto-borghese di Città del Messico, dove è ambientata la vicenda. Siamo nel 1970-1971 e seguiamo la vita di una donna di servizio che lavora presso una famiglia abbiente e che affronta con enorme serietà e tempra morale le piccole e grandi sfide che le pone il proprio lavoro, sul quale riverberano anche i rivolgimenti sociali del Messico di allora (compreso il massacro di Corpus Christi).

UN FILM AUTOBIOGRAFICO
Parlando del proprio film, Alfonso Cuaron ha dichiarato: "Ci sono periodi nella storia che lasciano cicatrici sul corpo della società e momenti della vita che ci trasformano come individui. Il tempo e lo spazio definiscono chi siamo, creando legami talvolta inspiegabili con le altre persone che, come noi, abitano il medesimo momento e i medesimi luoghi. 'Roma' è un tentativo di catturare la memoria di eventi che ho vissuto quasi cinquant'anni fa: è un'esplorazione della gerarchia sociale messicana, in cui classe ed etnia si intrecciano in modi ancora oggi immutati. Soprattutto è un ritratto intimo delle donne che mi hanno insegnato a riconoscere l'amore come un mistero che trascende lo spazio, la memoria e il tempo".

IL TRAILER SOTTOTITOLATO


IL PARERE DI CHI L'HA VISTO
Di festival in festival ('Roma' ne ha girati decine, dopo Venezia) il responso di pubblico e critica ha continuato ad assestarsi su medie voto straordinarie: al momento siamo fra i 90 e i 95 punti su cento. Un giudizio che si spiega con le straordinarie doti visive e tecniche di Alfonso Cuaron (già apprezzate in film come 'Gravity', 'I figli degli uomini' e 'Y tu mama también') e con la sincerità che anima un racconto molto personale, ma che non diventa mai autoreferenziale.

ROMA: COME VEDERE IL FILM
Attualmente 'Roma' è distribuito in una cinquantina di sale cinematografiche italiane, dove rimarrà per pochi giorni. Dal 14 dicembre sarà invece pubblicato nell'archivio di Netflix, dove la visione è consigliata ai maggiori di quattordici anni.

Leggi anche:
- Netflix, basta supereroi Marvel: cancellato anche Daredevil
- Quello di Jon Bon Jovi è il migliore vino rosé del 2018
- La storia del whisky Macallan da 1,35 milioni di euro