Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
27 mar 2022

FANGHI SORGIVI E ACQUE TERMALI RIOLO ANTISTRESS

27 mar 2022

La primavera è nell’aria, ma la voglia di benessere non ha stagione. Meglio prevenire recita l’adagio ed è questo l’approccio più corretto alle cure termali. A spiegare come trattare i disturbi del momento e a illustrare i benefici delle acque di Terme Riolo è la direttrice sanitaria Mara Angela Mascherpa.

Dottoressa, da pochi giorni è primavera, periodo in cui in molti individui insorgono problemi legati alle allergie. Quanto sono importanti le cure termali per migliorare il quadro clinico o prevenire eventuali disagi?

"Le allergie primaverili sono caratterizzate da starnutazioni, congiuntiviti e ostruzione nasale, coinvolgendo nei casi di massima sensibilizzazione anche le vie respiratorie inferiori con tosse stizzosa, sibili fino all’asma vera e propria. Effettuare un ciclo di cure termali inalatorie una o due volte l’anno, quando ancora non si sia manifestata l’allergia stagionale o negli intervalli di benessere consente di prevenirne o lenirne i sintomi. Le acque di Terme di Riolo contrastano efficacemente l’insorgenza della sintomatologia allergica grazie alle loro proprietà: l’acqua sulfurea ha azione mucolitica e di stimolazione della clearance muco ciliare con più rapido allontanamento di secrezioni, pollini e

allergeni, oltre a favorire il mantenimento di una mucosa respiratoria in stato ottimale; l’acqua salsobromoiodica agisce fluidificando le secrezioni, decongestionando le vie respiratorie. Per quanto riguarda le allergie non stagionali, come quelle da acari, le cure inalatorie sono altrettanto efficaci, come sempre sono controindicate in fase acuta".

Le giovani generazioni: quanto è importante favorire l’accesso alle terme da parte dei più giovani? Quali sono le cure più indicate per i bambini e i ragazzi?

"Le cure inalatorie sono utili nell’infanzia per coadiuvare l’azione del sistema immunitario, modulandone l’attività, favorendo la produzione di IgA secretorie, anticorpi importanti per la difesa contro i virus, prevenendo le forme acute più gravose e fastidiose per bambini e ragazzi; sono quindi indicate in presenza di una storia di infezioni ricorrenti delle vie respiratorie, riniti, bronchiti".

E poi?

"Un ciclo di cure efficace in età pediatrica è quello per le otiti croniche, con sordità legate alla permanenza di catarro nell’orecchio medio, e situazioni che possono peggiorare fino a rendere necessari interventi chirurgici mirati. In questi casi si associa a una o più cure inalatorie il politzer crenoterapico, una terapia che consente di convogliare in maniera non invasiva acqua termale sulfurea vaporizzata in cassa timpanica attraverso la tuba di Eustachio realizzando contemporaneamente una ginnastica tubarica. Il ciclo può essere ripetuto anche due volte l’anno nei soggetti proni alle forme infiammatorie con importante componente catarrale".

Quando si pensa alle terme, si pensa al relax e alle terapie inalatorie per l’apparato respiratorio. In realtà l’acqua termale è un rimedio salutare anche per le varie fasi di riabilitazione motoria.

"Terme di Riolo è un luogo di elezione per recuperare la migliore funzionalità possibile in caso di problematiche motorie. Essere seguiti da un fisiatra e da fisioterapisti qualificati è importante non solo in seguito a interventi o eventi traumatici; evitare il cronicizzarsi di posture sbagliate causate da dolori muscolari ricorrenti, attività usuranti o posizioni statiche non compensate, mantenere elasticità ed escursione articolare è fondamentale per l’autonomia e il benessere. Il nostro Centro propone oltre alla idrochinesiterapia in piscina termale dedicata con acqua salsoiodica a 34 °C, a effetto antiedemigeno, antinfiammatorio e favorente il galleggiamento, fisioterapia in palestra o ambulatoriale, terapie fisiche quali tecar, laser MLS, ultrasuoni, elettroterapia. La sinergia con le cure termali di fango e bagno, il percorso vascolare e la grande piscina termale permettono un percorso progressivo, dalla risoluzione del dolore acuto alla rieducazione alla corretta mobilizzazione e al recupero del tono muscolare, e infine al sollievo da eventuale sintomatologia cronica residua".

Diego Casali

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?