Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Euridice Axen diventa una zombie. "Mamma mia, faccio l'horror"

L'attrice è la figlia di Eva, che recitò in Suspiria. "Il mio sogno sarebbe stato lavorare con Hitchcock"

di LETIZIA CINI
Ultimo aggiornamento il 10 settembre 2018 alle 14:56
Euridice Axen (FOTO Dirk Vogel)

Roma, 10 settembre 2018 - «Per me l’anno inizia a settembre. Sarà perché il 20 sono nata io, forse scatta l’associazione all’inizio della scuola, ma mi sento come se in questo mese tutto debba partire». È un trionfo di energia, Euridice Axen, bionda attrice figlia d’arte, famosa per aver interpretato il ruolo di Tamara, moglie ultra-spregiudicata dell’imprenditore-puttaniere Sergio Morra (Riccardo Scamarcio) nei film di Paolo Sorrentino “Loro 1” e “Loro 2”, attualmente nelle sale accanto ad Alessandro Roja nell’horror prodotto dai Manetti Bros “The End? L’inferno fuori” di Daniele Misischia, fresca  reduce da una  vacanza in Puglia per festeggiare l’ultimo ciak della commedia di Pierluigi Di Lallo, “Nati 2 volte”. 
 Settembre andiamo, Euridice...
«È tempo di iniziare! (ride, ndr.)». 
Iniziare cosa?
«Tante cose, sempre fatte al meglio. Sono della vergine, perfezionista. Al momento ho sottomano un bel copione, fra poco partirà la collaborazione con Sky che mi vuole come conduttrice di “Cinepop” e poi Venezia, nei panni di madrina a un premio assegnato durante la Mostra del Cinema. Una trasferta che mi emoziona molto, non solo come attrice».
Allora perché?
«Per due richiami a mia madre (l’attrice Eva Axen, ndr): a 16 anni interpretò la sorella maggiore di Tadzio nel capolavoro “Morte a Venezia” di Visconti. E inoltre al Lido presenteranno “Suspiria” diretto da Luca Guadagnino, remake dell’omonimo film del 1977 diretto da Dario Argento, nel quale lei  recita una  scena agghiacciante. A 10 anni sono andata a vedere il film di nascosto, anche se me l’aveva proibito: ancora ricordo l’impressione che mi fece, non ci ho dormito per mesi. Aveva ragione lei, quel film ha segnato la mia adolescenza».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.