Roma, 10 settembre 2018 - «Per me l’anno inizia a settembre. Sarà perché il 20 sono nata io, forse scatta l’associazione all’inizio della scuola, ma mi sento come se in questo mese tutto debba partire». È un trionfo di energia, Euridice Axen, bionda attrice figlia d’arte, famosa per aver interpretato il ruolo di Tamara, moglie ultra-spregiudicata dell’imprenditore-puttaniere Sergio Morra (Riccardo Scamarcio) nei film di Paolo Sorrentino “Loro 1” e “Loro 2”, attualmente nelle sale accanto ad Alessandro Roja nell’horror prodotto dai Manetti Bros “The End? L’inferno fuori” di Daniele Misischia, fresca  reduce da una  vacanza in Puglia per festeggiare l’ultimo ciak della commedia di Pierluigi Di Lallo, “Nati 2 volte”. 
 Settembre andiamo, Euridice...
«È tempo di iniziare! (ride, ndr.)». 
Iniziare cosa?
«Tante cose, sempre fatte al meglio. Sono della vergine, perfezionista. Al momento ho sottomano un bel copione, fra poco partirà la collaborazione con Sky che mi vuole come conduttrice di “Cinepop” e poi Venezia, nei panni di madrina a un premio assegnato durante la Mostra del Cinema. Una trasferta che mi emoziona molto, non solo come attrice».
Allora perché?
«Per due richiami a mia madre (l’attrice Eva Axen, ndr): a 16 anni interpretò la sorella maggiore di Tadzio nel capolavoro “Morte a Venezia” di Visconti. E inoltre al Lido presenteranno “Suspiria” diretto da Luca Guadagnino, remake dell’omonimo film del 1977 diretto da Dario Argento, nel quale lei  recita una  scena agghiacciante. A 10 anni sono andata a vedere il film di nascosto, anche se me l’aveva proibito: ancora ricordo l’impressione che mi fece, non ci ho dormito per mesi. Aveva ragione lei, quel film ha segnato la mia adolescenza».