Foto: Warner Bros.
Foto: Warner Bros.

In seguito alla presentazione al Festival di Venezia 2021, il film 'Dune' ha raccolto recensioni mediamente entusiaste, soprattutto per i valori produttivi, l'impatto visivo e l'ambizione messa in campo dal regista Denis Villeneuve. Di conseguenza l'attenzione si è sposata sul sequel, perché l'opera presentata al Lido copre solo la prima parte del romanzo omonimo di Frank Herbert. Il problema è che Warner Bros. non ha ancora deciso di finanziare la 'Parte 2' e presumibilmente sta aspettando di capire quale sarà il successo commerciale del lungometraggio, atteso nelle sale italiane a partire dal 16 settembre e in quelle statunitensi oltre un mese più tardi, il 22 ottobre. In caso di flop al botteghino rischiamo di non vedere mai la seconda e ultima parte dell'adattamento di Villeneuve. Il quale, forse per tranquillizzare i fan, ha fatto sapere che comunque lui è pronto a iniziare la lavorazione un minuto dopo avere ottenuto da Warner lo sbloccamento ufficiale del budget di produzione.


Denis Villeneuve è pronto a girare 'Dune - Parte 2'

Nel corso di un'intervista effettuata da Slashfilm, Denis Villeneuve ha dichiarato che "per un film di questa scala, muoversi velocemente significa comunque parlare di mesi, perché bisogna realizzare i set, i costumi e via dicendo. Ma se gli spettatori risponderanno con entusiasmo e il via alla lavorazione avverrà quanto prima, allora direi che saremo certamente pronti per le riprese nel corso del 2022. Ne sarei davvero felice, perché vorrei portare il sequel su grande schermo il prima possibile". Villeneuve non si sbilancia, ma se la data da lui indicata sarà confermata, allora possiamo ipotizzare l'arrivo nelle sale forse già per la fine del 2022, anche se questo significherà procedere a tappe forzate.

Ripasso veloce su 'Dune', con tanto di trailer

La trama è ambientata in un futuro lontano nel quale l'economia dell'universo si regge su una preziosissima sostanza che può essere recuperata esclusivamente sull'inospitale pianeta Arrakis. In tale contesto le più grandi casate si danno battaglia per il controllo di questa materia prima. Fra di esse c'è anche quella cui appartiene il giovane Paul Atreides, destinato a più grandi cose di quelle che lui e chiunque altro possano immaginare.

Il cast è zeppo di star: Timothée Chalamet (Paul Atreides), Oscar Isaac (il duca Leto Atreides), Rebecca Ferguson (Lady Jessica), Josh Brolin (Gurney Halleck), Zendaya (Chani), Javier Bardem (Stilgar), Jason Momoa (Duncan Idaho), Stellan Skarsgard (il barone Harkonnen) e Dave Bautista (Glossu Rabban).