Domenica 14 Luglio 2024
PATRIZIA TOSSI
PATRIZIA TOSSI
Magazine

Drew Barrymore non presenterà gli Mtv Awards: “Rispetto lo sciopero degli sceneggiatori”

Hollywood rischia la serrata, i programmi stanno saltando per la protesta degli scrittori contro gli Studios. Come cambia la scaletta degli Mtv. Programmi e serie tv a rischio: quali sono.

Drew Barrymore

Drew Barrymore

Drew Barrymore non presenterà gli ‘Mtv Movie & Tv Award 2023’. La conduttrice ha deciso di dare forfait a pochi giorni dalla cerimonia di consegna del premio, che si terrà a Los Angeles domenica 7 maggio. Il motivo? Solidarietà con gli sceneggiatori in sciopero contro gli Studios. “Tutto quello che celebriamo e ammiriamo nei film e nella televisione nasce dalla loro creatività. Fino a quando non si raggiungerà un accordo, scelgo di aspettare”, ha fatto sapere Drew Barrymore attraverso una nota diramata poche ore fa. Tutto questo mentre gli scrittori stanno organizzando picchetti tra Hollywood e New York City.

Ci sarà un piano B?

Hollywood è in subbuglio per effetto dello sciopero indetto martedì scorso dagli sceneggiatori del sindacato Wga. “Ho ascoltato gli sceneggiatori e, per rispettarli davvero, rinuncerò a presentare la diretta degli Mtv Movie & Tv Awards’, in sostegno al loro sciopero”, ha dichiarato Barrymore. Mancano solo due giorni all’evento e la situazione sta diventando esplosiva: a saltare non saranno solo gli Mtv Awards, ma anche numerose trasmissione tv. Ad appena due giorni dall'evento, i produttori degli Mtv stanno cercando un piano B per garantire la messa in onda della cerimonia di domenica 7 maggio. Ma l'astensione dal lavoro di scrittori e autori di cinema e tv complica parecchio la preparazione.

Scaletta: cosa cambia

Non ci saranno l’iconico tappeto rosso, la sfilata delle celebrità e le interviste alle star prima dello spettacolo. Un cambio in corsa nella scaletta dell’evento dovuto allo sciopero Wga. “Ringrazio Mtv, che è stato uno dei migliori partner con cui abbia mai lavorato – ha aggiunto Drew Barrymore – e non vedo l'ora di far parte di questa gala il prossimo anno, quando potrò davvero rendere omaggio a tutto ciò che Mtv ha creato”. Lo show è comunque confermato per le ore 20 di domenica 7 maggio – quando in Italia saranno le 5 di lunedì mattina, 8 maggio – nonostante il clima rovente innescato tra i lavoratori dello spettacolo. Il sindacato sta incassando il sostegno delle altre Union (sigle sindacali) di Hollywood.

La serrata di Hollywwod: i programmi che saltano

Molti progetti stanno saltando per la mancanza di scrittori disposti a lavorare alle sceneggiature di film, fiction e programmi tv. Una serrata improvvisa a Hollywood che non si vedeva dai tempi del Covid. Anche perché l’ultimo sciopero della Wga risale a 15 anni fa. La lista delle produzioni che stanno saltando è in continuo aggiornamento, ecco i primi programmi che rischiano di essere cancellati.

L’appello: “Matite giù”

Creatività bloccata per la sesta stagione di ‘Cobra Kai’. Il co-creatore della serie, Jon Hurwitz, ha twittato l’appello “Matite giù” in segno di solidarietà. Nessuno scrittore è attualmente presente sul set della nuova stagione. In sciopero anche il fumettista Neil Gaiman, uno degli sceneggiatori di ‘Good Omens’. Ashley Lyle ha annunciato su Twitter la terza stagione di ‘Yellowjackets’ è stata interrotta dopo un solo giorno di lavoro del team creativo. “È stato fantastico, rinvigorente dal punto di vista creativo e molto divertente, e sono davvero entusiasta di tornarci non appena la Wga avrà ottenuto un accordo equo”, ha twittato il co-creatore della serie.

Il Signore degli Anelli

Nonostante lo sciopero in corso, la seconda stagione de ‘Il Signore degli Anelli - Gli Anelli del Potere’ non dovrebbe subire ritardi nella produzione. Tuttavia, lo show di Amazon Prime Video non potrà avvalersi dei produttori esecutivi J.D. Payne e Patrick McKay, decisi a sostenere la corporazione in sciopero.

Cancellati i talk show

Oscurato ‘Saturday Night Live’. L'ex membro del cast, Pete Davidson, avrebbe dovuto essere ospite del programma nella puntata di sabato 6 maggio, insieme all'ospite musicale Lil Uzi Vert. Bloccate le riprese del programma quotidiano ‘The Talk’, per il momento verranno mandati in onda solo le puntate già registrate, mentre i nuovi appuntamenti della prossima settimana rischiano di saltare. Sospesi anche gli show serali ‘Jimmy Kimmel Live’ (Abc), ‘The Late Show’ (Cbs). Anche ‘Tonight’ e ‘Late Night’ (Nbc) andranno in pausa e verranno mostrate delle repliche. Hbo sospenderà i programmi in diretta ‘Real Time with Bill Maher’ e ‘Last Week Tonight’ con John Oliver. Pausa anche per ‘The Daily Show’ di Comedy Central per mancanza di autori disposti a scrivere i testi del cast di comici.

A rischio ‘Abbott Elementary 3’

Scrittori per la terza stagione di ‘Abbott Elementary’ avrebbero dovuto riunirsi lo scorso 2 maggio. Ma la riunione è stata sospesa. In un'intervista con Democracy Now, la scrittrice Brittani Nichols ha rivelato che questo sciopero potrebbe avere un impatto sul numero di episodi della prossima stagione. "Siamo uno spettacolo che scrive mentre andiamo in onda", ha detto Nichols. "Se questo sciopero andrà avanti per un periodo di tempo significativo, il nostro programma non uscirà in tempo e questo potrebbe cambiare la quantità di episodi di cui sono sicura che le persone saranno molto turbate".

‘House of Dragon’ e altre serie tv

Le sceneggiature della serie Amc, tratta dai romanzi di Anne Rice, e dello spin-off ‘Walking Dead’ sono finite, ma nessuna produzione è iniziata. I copioni della seconda stagione dello spinoff del 'Trono di Spade' sono stati consegnati, quindi la produzione di ‘House of Dragon’ non dovrebbe accusare troppi ritardi. Gli sceneggiatori della serie animata di Netflix, Big Mouth, hanno trascorso sei settimane a scrivere l'ottava e ultima stagione dello spettacolo. I creatori avrebbero finito di scrivere ad agosto, molto prima dell’inizio dello sciopero. Anche la trama di ‘Rap Sh!T’ è terminata lo scorso aprile.