di Barbara Berti "Anche uno sconfitto ha bisogno di speranza". E l’Italia (si ferma) piange e sorride con Luca Argentero. L’atteso gran finale di Doc – Nelle tue mani, la serie tv di Raiuno con protagonista l’attore “nato” al Grande Fratello 3, è un successo clamoroso: l’ultima puntata – in onda giovedì scorso – ha conquistato ben 8 milioni 510mila spettatori pari al 30.8 per cento di share, numeri rari in questi tempi di frammentazione degli ascolti. Nel...

di Barbara Berti

"Anche uno sconfitto ha bisogno di speranza". E l’Italia (si ferma) piange e sorride con Luca Argentero. L’atteso gran finale di Doc – Nelle tue mani, la serie tv di Raiuno con protagonista l’attore “nato” al Grande Fratello 3, è un successo clamoroso: l’ultima puntata – in onda giovedì scorso – ha conquistato ben 8 milioni 510mila spettatori pari al 30.8 per cento di share, numeri rari in questi tempi di frammentazione degli ascolti. Nel complesso, con una media del 30% di share dei sedici episodi e oltre 8 milioni di telespettatori, Doc diventa la serie in Italia più vista dal 2007.

"Grazie per tutto l’affetto che abbiamo ricevuto in questi mesi" commenta via social Argentero, postando una carrellata di ricordi ed emozioni. Prodotta da Rai Fiction e LuxVide con la regia di Jan Michelini e Ciro Visco, la serie in virtù di un linguaggio dinamico e incalzante e di una proposta di un racconto del reale ricco di emozioni positive, ha appassionato il pubblico che ora aspetta con trepidazione la seconda stagione. Nei panni del dottor Andrea Fanti, personaggio basato sulla vicenda e sui libri del vero medico Pierdante Piccioni, Argentero diventata un eroe romantico, uomo che perde tutto – un figlio, la famiglia e i ricordi – ma anche un medico empatico che riesce a risolvere casi complessi, a dare nuove speranze ai suoi pazienti perché "anche uno sconfitto ha bisogno di speranza" scrive Piccioni nel libro da cui è tratta la serie.

E anche il finale è nel segno dell’happy end: il protagonista viene scagionato dalle accuse di un suo coinvolgimento nella falsificazione di dati sulla sperimentazione farmaceutica, il “cattivo” (il primario Marco Sardoni che ha il volto di Salvatore Esposito) viene arrestato, l’ex moglie di Fanti (Agnese, interpretata da Sara Lazzaro) guarisce da una grave malattia. Per la gioia dei telespettatori, la serie avrà una seconda stagione, altri sedici episodi le cui riprese dovrebbero iniziare nella primavera 2021.

Se Doc-Argentero è pronto a riprendersi il ruolo di primario, resta in forse la presenza della dottoressa Giulia Giordano, interpretata da Matilde Gioli, che ha chiesto il trasferimento perché non è più in grado di sopportare il legame ancora saldo tra Doc e l’ex moglie. L’attrice, via social, ringrazia i fan ma non svela il suo destino.