Abbinare competenza e passione nel mondo dell’arte, dell’antiquariato e del design del ‘900 all’utilizzo di strumenti moderni per crescere sul mercato? Si può. Parola di ’FineArt by Di Mano in Mano’, l’ultima iniziativa partorita dell’azienda Di Mano in Mano, che ha scelto come vetrina la rassegna milanese Amart (Mostra antiquariato Milano) e Mog (Milan Open Galleries), evento collaterale della kermesse che prevede una serie di gallerie diffuse dedicate ad arte, design e antiquariato. Appuntamento a Milano fino al 31 ottobre nella ’temporary spaces’ di via Borgonuovo 1 (orario 11-19). Due team di esperti mostreranno una selezione di oggetti di pregio. "Abbiamo cercato le competenze migliori, selezionato prodotti di altissimo livello e investito perché ciò è fondamentale per crescere – spiega Enrico Sala perito antiquariale ed esperto in mobili antichi –. Di Mano in Mano è una realtà unica e renderla sempre più efficiente e grande è la sfida di noi tutti . Tra gli eventi spicca la collaborazione con l’interior designer Daniele Daminelli, curatore della capsule collection ’Grand Tour’ creata per il lancio di FineArt by Di Mano in Mano. Spazio anche a cultura, musica – con un concerto da camera di note barocche con oboe e violoncello nel del ’temporary spaces’ Borgonuovo 1 – e catering di ’Abc La Sapienza in Tavola’, cooperativa di cuochi esterni e interni al carcere di Bollate che offre ai detenuti la possibilità di riappropriarsi della cultura del lavoro. Ingresso a un massimo di 30 persone e solo con green pass. Info su https:fineart.dimanoinmano.it

gdm