Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
29 gen 2022

De Gregori-Venditti, nati sotto il segno del duo

Giovani amici, poi divisi, ora di nuovo insieme: i cantautori reinterpretano “Generale“ e “Ricordati di me“. Aspettando il concerto

29 gen 2022
andrea spinelli
Magazine
Antonello Venditti, 72 anni, con Francesco De Gregori, 70 anni
Antonello Venditti, 72 anni, con Francesco De Gregori, 70 anni
Antonello Venditti, 72 anni, con Francesco De Gregori, 70 anni
Antonello Venditti, 72 anni, con Francesco De Gregori, 70 anni

La data cerchiata in rosso è quella del 18 giugno. Dopo mezzo secolo di canzone d’autore, infatti, Antonello Venditti e Francesco De Gregori tornano a fare coppia allo Stadio Olimpico, ma intanto iniziano a muovere le acque reinterpretando a due voci un paio di classici dei loro repertori come Ricordati di me e Generale disponibili in digitale già da ieri e in uscita su 45 giri (che nostalgia) il 4 marzo. Due anni fa Venditti e De Gregori avevano omaggiato Dalla con una loro versione di Canzone, poi Francesco se n’era volato negli Emirati portandosi l’amico sul palco di Expo Dubai 2020 per restituirgli la cortesia di averlo voluto ospite due anni prima in Arena alla celebrazione veronese di Sotto il segno dei pesci. Antonello e Francesco si sono conosciuti nel ’69 tra le pareti fumose del Folkstudio di Roma, ma il sodalizio è nato l’anno successivo in Ungheria, durante un tour organizzato della Federazione Giovanile Comunista locale che li portò a scrivere sulla strada le loro prime canzoni. Quando Venditti in Notte prima degli esami ricorda "quattro ragazzi con la chitarra, e un pianoforte sulla spalla" parla proprio di lui, Francesco, Ernesto Bassignano e Giorgio Lo Cascio al tempo delle loro prime esperienze nel celebre locale di Trastevere. Theorius Campus, l’album “in condominio” dove trovano pure modo d’incrociare le voci in un paio di brani (Dolce signora che bruci e In mezzo alla città), sarebbe arrivato un paio d’anni dopo. Un’unione forzosa, come ricorda De Gregori. "Per una serie di circostanze io e Antonello ci trovammo a firmare, indipendentemente e a un solo giorno di distanza, lo stesso contratto con la stessa casa discografica (la It, ndr); al Folkstudio, infatti, eravamo gelosi uno dell’altro e se a uno capitava la possibilità di firmare un contratto non andava certo a ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?