Non si sbaglia se si afferma che l’orologeria del 2021 ne fa di tutti i colori. Lo abbiamo visto in occasione del Watches & Wonders di Ginevra. Se dovessimo definire la tavolozza del tempo, il verde avrebbe un posto di rilievo, poi seguirebbe il blu e poi un arcobaleno di proposte. Tono su tono o azzardi cromatici. Ne sa qualcosa Hublot, maestra nella lavorazione della ceramica colorata, ma questa volta è davvero andata oltre, scegliendo un bellissimo giallo solare, radioso che ha acceso il nuovo Big Bang Unico Yellow Magic. Quattro anni di ricerche sono state necessarie per trovare l’equilibrio perfetto fra temperatura e pressione, per consentire la sinterizzazione della ceramica senza bruciare i pigmenti, alla fine ecco il risultato: una sferzata di allegria in una cassa da 42 mm; réhaut, indici, contatori di minuti e secondi, numeri arabi e lancette sono tutti declinati in questa energizzante tonalità di giallo acceso, per mettere in risalto il meccanismo del movimento Unico HUB1280 di manifattura con ruota a colonne, visibile al lato del quadrante mediante il vetro zaffiro (25.900 euro, hublot.com). Non lesina sull’utilizzo del colore anche Chanel Horlogerie, vestendo il suo Code Coco Electro di un rosa fluo. Fa parte della Electro Capsule collection che fa propri i codici grafici ed estetici della cultura Electro degli anni 90, quando la musica elettronica diventava performance. Al centro di questa narrazione ci sono i contrasti tra nero, bianco e colore. Il bianco è illuminato dal colore. Il colore è intensificato dalla profondità del nero. L’orologio ha il quadrante laccato nero illuminato da un diamante, cinturino con motivo trapuntato in vitello rosa fluo (6.200 euro, chanel.com). Pensate ora a Rolex e all’Oyster Perpetual Day-Date 36, immaginatelo con cassa, anche, lunetta e quadrante incastonati di diamanti. Ora immaginatelo con dei tocchi cromatici corallo. Già il nuovo gioiello della Casa della Corona ha voluto osare tingendo di questo colore gli indicatori delle ore, in smalto, e il cinturino in pelle di alligatore lucida. L’orologio ha cassa in oro giallo, movimento di Manifattura Calibro 3255 (79.200 euro, rolex.com). L’interazione fra i materiali e le loro finiture caratterizza la cassa del nuovo Defy Extreme di Zenith, rendendo il suo design ancora più futuristico. Dimensioni più generose, 45 mm di diametro, linee più affusolate, bordi più pronunciati e una silhouette che esprime robustezza. Il titanio spazzolato, lucido e microsabbiato è esaltato dalla cromia blu del cinturino in caucciù (l’orologio è venduto con bracciale in titanio e due cinturini intercambiabili, in gomma e in velcro), che richiama la platina principale blu sul movimento e la massa oscillante blu con finiture satinate (17.600 euro, zenith-watches.com). Punta tutto sul verde Gerald Charles per il quadrante e il cinturino del suo nuovo Maestro 3.0 Chronograph Premier 2021 Edition, esempio di creatività e di tradizione orologiera. Per questo modello la cassa originariamente disegnata dal fondatore della Maiosn, Monsieur Gérald Genta, è stata rivisitata: in oro rosa misura 39 mm di diametro. Il quadrante verde smeraldo con finitura soleil si abbina al cinturino in gomma (36.000 euro, geraldcharles.com). Nomos Glashütte accoglie la primavera con il segnatempo Club automatico verde oliva, il celebre orologio con vetro zaffiro a cupola, durevole e robusto; la cassa è in acciaio da 40 mm, sul quadrante la generosa tipografia e la Superluminova consentono una ottima leggibilità (1.960 euro, nomos-glashuette.com).

Amelia Zacco