Maria Grazia Cucinotta è appena tornata da due mesi in Cina, dove ha girato un documentario per il governo di Pechino, per il quale si è sottoposta a una quarantena di tre settimane. "È stato faticoso resistere, ma ne è valsa la pena – racconta l’attrice a Gente in edicola da oggi –. La Cina è un Paese Covid free". La Cucinotta la frequenta da 16 anni.

"Negli anni ho fatto film di ogni genere,ma soprattutto d’azione e di fantascienza, dove è più facile giustificare la mia fisicità, così diversa dalla loro: i cinesi sono apparentemente freddi, ma quando ti aprono il cuore sono come i siciliani" conclude l’attrice, impegnata nel cortometraggio Sacrificio disumano (foto sotto), diretta da Pierfrancesco Campanella.